Call Us +39 011 55.84.111

Non solo IVA e imposte sui redditi ai fini della sussistenza del reato di indebita compensazione

Lo ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza n. 14763 del 2020, nel solco di un orientamento sempre più consolidato che tende ad ampliare l’ambito di applicazione dell’art. 10 quater D.Lgs. 74/2000. Con la pronuncia in esame, la Corte ha confermato il sequestro preventivo del profitto del reato in esame, ribandendo che il reato di indebita compensazione si configura anche quando sono portati in compensazione crediti non spettanti o inesistenti sia per tributi erariali sia per tributi di altra natura nonché di contributi anche previdenziali. Secondo la Corte, infatti, la soglia di rilevanza penale, (attualmente) fissata per entrambe le ipotesi di reato disciplinate dall’art. 10 quater in euro 50.000, deve essere riferita all’ammontare dei crediti non spettanti o inesistenti portati in compensazione con la conseguenza che, per accertare il superamento della soglia, occorre procedere con la somma algebrica degli importi dei predetti crediti.

Leggi tutto...

Mancanza di idonei dispositivi di protezione individuale e velocizzazione degli interventi di manutenzione possono fondare la responsabilità amministrativa degli enti ex D. Lgs. 231/2001 in caso di infortunio sul lavoro

La Corte di Cassazione con sentenza n. 13575/2020 ha confermato la condanna ex D. Lgs. 231/2001 di una società per l’infortunio occorso ad un lavoratore individuando l’interesse e il vantaggio per l’ente (art. 5 D. Lgs. 231/2001), da un lato, nel risparmio dei costi per l’acquisto di idonei dispositivi di protezione individuale e, dall’altro, nella prassi diffusa di velocizzare gli interventi di manutenzione aumentando la produttività a scapito, però, della salute e sicurezza dei lavoratori.

Leggi tutto...

Italian Phase 2 for Aviation Sector

di Maurizio Corain e Mario Barbera

Following the several law provisions issued during the health emergency by the Italian Government (dedicated to the containment of the diffusion of Covid-19), the latter issued a DPCM (Prime Minister’s Decree) on May 17, 2020 in order to launch and regulate the so called Phase 2 of the Covid 19 health emergency period.

With such Decree the Government confirmed some of the former provisions set forth in order to contain the spread of the emergency on the Italian territory.

On these grounds and with specific regard to the aviation sector, under Article 4 gazetted as “Disposizioni in materia di ingresso in Italia” (Provisions on the entrance in Italy), it has been stated that those who intend to enter in Italian territory shall provide the carrier with a self-certification indicating:

  1. the reasons which justify the entrance in Italy (which, according to Law Decree No. 33/2020 shall be proven occupational needs, absolute urgency reasons or health reasons or in any case reasons allowed by the emergency regulations issued by the Government in the pandemic period);
  2. the details of the address where the relevant fiduciary isolation (14 days) will be spent and the details of the means of transport by which such address will be reached;
  3. the phone number at which receive communications by the relevant Health Authority relating to the fiduciary confinement.

According to Article 5 of the mentioned DPCM, such self-certification shall be provided even by those subjects who are planning a short stay for work requirements (i.e. a 72 hours stay in the Italian territory, save the case in which occurs a justified extension of further 48 hours). Such passengers shall provide, in addition to the above information, the details of their departure within the above time limit.

The carrier shall, not only receive such documentation but verify the latter before the boarding of the relevant passenger. The carrier shall therefore deny the boarding to those passengers who:

  • are experiencing a febrile state (by measuring the passengers’ temperature); and/or
  • do not provide the entire set of documents above indicated.

Please note that the above mentioned provisions on the carrier, do apply even to those passengers who only transit in the Italian territory in order to reach their final destination in a different State.

With regard to the management of the transportation, the carrier shall apply those provisions set forth by the Shared Ministry Protocol for the containing of the Covid 19 emergency (Annex 14 of the DPCM dated May 17, 2020). According to such Protocol the carrier shall (among other obligations):

  1. ration the sale of the tickets in order to keep the interpersonal distance of at least 1 meter for the duration of the transport;
  2. where physical distancing is more difficult to ensure, additional safeguards and measures leading to equivalent levels of protection should be put in place;
  3. sanitize and hygenize the aircrafts frequently (on the basis of the passengers traffic even several times a day);
  4. strengthening ventilation, hospital air filtering and vertical airflow;
  5. establish procedures to manage the boarding and disembarking of passengers that ensure that passengers will keep the interpersonal distance of at least 1 meter;
  6. provide that the crew limits the contact with passengers and, in any case, use protective masks and gloves;
  7. provide that the passengers use protective masks;
  8. limit the possibility for the passengers to move inside the aircraft to the essential needs;
  9. in long range flights, install disinfectant’s dispenser;
  10. establish procedures to manage crew members or passengers who should show a febrile state during transport.

Such measure may be found even in the package of guidelines and recommendations set forth by the EU Commission and issued on May 13, 2020, in order to “safely resume travel and reboot Europe's tourism in 2020 and beyond”. The EU Commission, indeed, aims to help Member States, while respecting necessary health precautions, to gradually lift travel restrictions and allow tourism businesses to reopen. With this purpose the EU Commission’s package includes:

  • an overall strategy;
  • a common approach to restore free movement in a coordinated way;
  • a framework to support the re-establishment of transport;
  • common criteria to safely restore tourism activities.

With this purposes and with specific attention to the air carriers, the Commission together with the competent authorities announced that it will put forward in the coming weeks technical operational guidelines “to facilitate a coordinated approach and assist national aviation authorities, airlines, airports and other aviation stakeholders”. Further to what already stated in the above mentioned national Law, such guidelines should include:

  • limiting contamination risks along the travel process (e.g. avoiding concentration of passengers, limiting interaction on board, exploring the most appropriate allocation of seats based on technical constraints, and prioritising electronic documents and means of payment);
  • reducing movement in the cabin (e.g. less cabin baggage, fewer interactions with the crew);
  • adequately managing passenger flows (e.g. advise on early arrival time at the airport; prioritising electronic/self-check-in; ensuring distancing and minimising contacts at baggage drop-offs, security and border control points, at boarding, and during baggage collection);
  • providing accessible information on airport processes to passengers in advance of travel.

Finally, please note that particular attention has been paid to the potential cancellation of the journey by the operators (among which the air carriers). Indeed, the EU Commission recommended that those who operate in the aviation sector shall “make travel vouchers an attractive alternative to cash reimbursement” by:

  1. making them redeemable at the latest 12 months after they have been issued;
  2. ensuring that such vouchers can be used for travel on same route and under same conditions;
  3. ensuring they can be used for new bookings and make them transferable to another person without any additional cost.

Moreover, the UE Commission recommended that the vouchers should be protected (e.g. by the relevant State Member) against the insolvency of the transport company at the outcome of the 12 months period.

With this regard please note that under the provisions set forth by the Italian Government, operators are allowed to issue vouchers, obviously of the same amount of the price paid by the customers, but Italian provisions do not provide that such vouchers shall be redeemable at the end of their validity period.

This, as per the formal letter dated May 15, 2020 by the EU Commissioners for Justice and for Transport (Didier Reynders e Adina Valean), may cause that Italy (together with several other EU Member States which set forth similar provisions) will be subject to an infringement proceeding in case of failure in complying with the European provisions which ensure the customer choice between a voucher and the refund of the price paid.

Leggi tutto...

Le linee guida della Commissione europea sui finanziamenti statali alle rotte aeree essenziali durante il COVID-19

1. La grave crisi del trasporto aereo

Il trasporto aereo è tra i settori che sta sopportando le maggiori ripercussioni economiche dovute all’epidemia di COVID-19.  Le restrizioni temporanee ai servizi aerei hanno portato a una riduzione dei voli in Europa di oltre l'80% rispetto allo stesso periodo del 2019 e gli aeroporti stanno subendo una riduzione delle operazioni del 75%. Considerato che il 50% del trasporto aereo di merci avviene all’interno degli aeromobili adibiti al trasporto passeggeri, anche questo traffico sta subendo una drastica riduzione.

Leggi tutto...

Il consenso in ambito digitale: le nuove linee guida dell’EDPB

Il Comitato Europeo per la protezione dei dati personali (di seguito, “EDPB”) ha recentemente adottato nuove linee guida al fine di fornire ulteriori chiarimenti e specificazioni sui requisiti per ottenere e dimostrare un valido consenso, predisponendo una guida pratica che aiuti a garantire il rispetto delle norme previste dal Regolamento europeo per la protezione dei dati personali (di seguito, “GDPR”). 

L'articolo 4, paragrafo 11, del GDPR definisce il consenso dell’interessato come “qualsiasi manifestazione di volontà libera, specifica, informata e inequivocabile dell'interessato, con la quale lo stesso manifesta il proprio assenso, mediante dichiarazione o azione positiva inequivocabile, che i dati personali che lo riguardano siano oggetto di trattamento”.

Il consenso costituisce dunque una delle basi giuridiche legittimanti il trattamento dei dati personali disciplinate dall’art. 6 dello stesso GDPR. Tuttavia, ai fini di un corretto utilizzo di tale base giuridica, è necessario che all'interessato venga offerta una scelta reale rispetto alla possibilità di prestare il proprio consenso o meno, senza che ciò arrechi allo stesso alcun danno o pregiudizio.

Leggi tutto...

I ricercatori a tempo determinato potranno partecipare alle procedure di valutazione per la chiamata nel ruolo dei professori associati?

del Dipartimento Diritto Amministrativo

Alla Corte di Giustizia UE la compatibilità con il diritto europeo della disciplina interna che differenzia tra ricercatori universitari a tempo determinato e indeterminato.

Il Consiglio di Stato, con l’Ordinanza n. 2376/2020 del 10 aprile 2020, ha rimesso alla Corte di giustizia UE la questione della compatibilità con il diritto europeo della disciplina nazionale nella parte in cui, differenziando tra lavoratori a tempo determinato e indeterminato, riconosce ai ricercatori a tempo determinato - di cui all’art. 24, comma 3, lett. b), l. n. 240 del 2010, che abbiano conseguito l’abilitazione scientifica nazionale di cui all’art. 16 della medesima legge - e ai ricercatori a tempo indeterminato, che parimenti abbiano conseguito la predetta abilitazione, rispettivamente il diritto e la possibilità (implementata con l’assegnazione di apposite risorse) di essere sottoposti ad un’apposita procedura di valutazione per la chiamata nel ruolo dei professori associati, mentre nessun diritto né possibilità analoghi vengono riconosciuti ai ricercatori a tempo determinato di cui all’art. 24, comma 3, lett. a), in possesso della abilitazione scientifica nazionale, malgrado si tratti di lavoratori chiamati a svolgere, tutti indistintamente, identiche mansioni.

Link alla fonte

Leggi tutto...

L’avvocato non risarcisce il cliente se circostanze esterne ritardano il recupero del credito del suo assistito

La Sezione III della Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 8516 del 6 maggio 2020, ha stabilito che l’avvocato non è tenuto a risarcire il proprio cliente, qualora circostanze esterne abbiano ritardato il recupero del credito dell’assistito.

Nel caso in oggetto, secondo la Suprema Corte, la mancata concessione di un sequestro conservativo e l’attesa per tornare in possesso degli assegni protestati per incardinare un procedimento monitorio non possono essere imputati al legale.

Leggi tutto...

Lo “svuotamento” sistematico del conto corrente costituisce atto fraudolento ai sensi dell’art. 11 D.Lgs. 74/2000

Con una interessante pronuncia, la Cassazione (sent. n. 14217 depositata l’11.5.2020) è tornata a chiarire il concetto di “fraudolenza” ai fini della sussistenza del reato di “sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte” (art. 11 D.Lgs. 74/2000).

La vicenda è la seguente: poco prima della notifica di varie cartelle esattoriali per importi assai rilevanti, il conto corrente della società Alfa, che sino a quale momento evidenziava una operatività normale, veniva interessato dal susseguirsi di emissioni di assegni circolari, tutti tratti a favore della stessa società Alfa. Subito dopo l’emissione, tali assegni circolari venivano riversati sul medesimo conto corrente, e le disponibilità così ottenute venivano utilizzate per eseguire specifici pagamenti a favore di soggetti terzi. L’effetto della condotta era tale da mantenere – quanto meno in apparenza – il saldo del conto corrente sempre prossimo allo zero cosicché, al momento dell’esecuzione del provvedimento di pignoramento, il conto era incapiente.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy

Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bologna
R&P Legal
Via D’Azeglio, 19
40123, Bologna - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy