Call Us +39 011 55.84.111

Prelievi bancomat abusivi: la banca rimborsa se non prova che è stato il cliente a usare il bancomat

Con l'ordinanza n. 9721 del 26 maggio 2020 la Corte di Cassazione accerta la responsabilità della banca nei confronti del cliente, intestatario di conto corrente con relativa carta bancomat, per i danni patrimoniali causati da svariati prelievi non autorizzati effettuati da ignoti, estranei al rapporto di conto corrente. Secondo la Cassazione qualora il ricorrente danneggiato alleghi di aver subito prelievi abusivi, spetta alla banca l’onere di dimostrare che, al contrario, il bancomat è stato utilizzato dal titolare del conto, dovendo altrimenti rimborsare le somme indebitamente prelevate da terzi.

Leggi tutto...

L’emergenza Covid-19 non blocca l’escussione di una garanzia a prima richiesta

Con una recente sentenza (7 maggio 2020) il Tribunale di Bologna ha respinto un ricorso cautelare presentato per bloccare l’escussione di una garanzia a prima richiesta, escussione ritenuta invece abusiva dal ricorrente in quanto il proprio inadempimento sarebbe stato conseguenza delle misure di contenimento per il Covid-19.

Il giudizio trae origine dall’acquisto da parte della ricorrente delle quote di una società, con pagamento rateale del prezzo. A seguito dell’emergenza Covid-19, l’acquirente aveva richiesto ai venditori di posticipare il pagamento, e in vista della scadenza di una delle rate, aveva presentato un ricorso cautelare per impedire ai venditori di escutere la garanzia aperta proprio per garantire il pagamento del prezzo.   

Leggi tutto...

Il rafforzamento dell’ecosistema delle start-up innovative – le misure del Decreto Rilancio

Con le disposizioni dell’art. 38 del Decreto-Legge 19 maggio 2020 (“Decreto Rilancio”) trova spazio una tutela più efficace e puntuale dell’ecosistema delle start-up e PMI innovative, rispetto a quella sino ad ora prevista a favore di queste realtà dal Cura Italia e dal Decreto Liquidità.

Due sono le direttrici perseguite dal Governo con il Decreto Rilancio per il supporto a start-up e PMI innovative: incrementare le dotazioni finanziarie a loro destinate e incentivare l’incontro con gli investitori.

Leggi tutto...

Roberto Randazzo interviene al webinar "Reviewing Capitalism: The Future is Here - Investors Look to Impact Investing To Do Good While Doing Well, a Legal Perspective”

Il giorno giovedì 4 giugno dalle ore 19.30 alle ore 21.30 Roberto Randazzo, partner di R&P Legal e Adjunct Professor di Tiresia - Politecnico di Milano, parteciperà al webinar "Reviewing Capitalism: The Future is Here - Investors Look to Impact Investing To Do Good While Doing Well, a Legal Perspective” organizzato in occasione del “2020 ILS Virtual Annual Meeting” di American Bar Association.

L’attuale contesto emergenziale e la necessità di interventi “sociali” in favore di una collettività particolarmente provata dalla pandemia, così come la necessaria ripresa delle attività economiche, richiedono ingenti investimenti.

La leva finanziaria, attraverso pratiche di investimento orientate, ad esempio, su fattori ESG (Environmental, Social and Governance)  o, sempre di più, su meccanismi di impact investing – ovvero quella tipologia di investimenti che si caratterizzano per l’intenzionalità, la misurabilità e l’addizionalità dell’impatto sociale generato in aggiunta al ritorno economico – sembrano poter essere un valido strumento per rilanciare l’economia in una direzione più sostenibile.

L'idea che le imprese esistano solo per realizzare profitti è infatti ormai da tempo messa in discussione e sempre più investitori investono in società che uniscono al profitto obiettivi sociali (sostenibilità ambientale, riduzione della povertà, istruzione, salute, social housing, etc.).

Tale trend, oltre a definire una nuova classe di investitori, ha posto l’attenzione sulla c.d. impact economy che vede modelli imprenditoriali “ibridi” come le Benefit Corporations quale strumento per generare, tramite l’attività d’impresa, un impatto sociale ed ambientale positivo.

È possibile effettuare la registrazione al webinar accedendo al seguente link.

 

Leggi tutto...

La Corte di Giustizia definisce il perimetro dell’uso del marchio nel commercio da parte del privato che non eserciti attività commerciale

Con sentenza del 30/04/2020 (causa C-772/18), la Corte di Giustizia dell’Unione Europea è intervenuta su quattro questioni pregiudiziali con le quali il giudice del rinvio finlandese ha chiesto di chiarire se costituisca un “uso del marchio nel commercio” quello di un soggetto che – pur non esercitando un'attività commerciale a titolo professionale – riceva, immetta in libera pratica in uno Stato membro e conservi prodotti manifestamente non destinati all'uso privato, spediti al suo indirizzo da un Paese terzo e sui quali, senza il consenso del titolare, sia apposto un marchio.

Il caso riguarda una persona fisica che, ricevuta per conto terzi una spedizione di 710kg di cuscinetti a sfera ad uso industriale sui quali era apposto un marchio registrato altrui, aveva espletato lo sdoganamento e consegnato la merce al proprio mandante in cambio di una stecca di sigarette e una bottiglia di cognac. Assolto in sede penale dall’accusa di contraffazione, era stato tuttavia condannato al risarcimento del danno nonché all’inibitoria da ulteriori violazioni del marchio in questione.

Leggi tutto...

Danno da mancato consenso al trattamento sanitario: lo stato dell’arte tra pregiudizi risarcibili e oneri probatori

Il consenso del paziente costituisce imprescindibile presupposto di liceità di ogni atto compiuto in ambito sanitario. L’alleanza terapeutica che si instaura tra medico e paziente deve infatti necessariamente fondarsi sull’informazione al paziente e sulla sua preventiva e consapevole accettazione del trattamento terapeutico.

Ogni paziente ha il diritto di ricevere dettagliate informazioni sul proprio stato di salute, sulla natura, le caratteristiche e i possibili sviluppi delle terapie consigliate dal medico, sulle eventuali alternative terapeutiche, oltre che, ovviamente, sui rischi, anche solo eventuali, collegati al trattamento prospettato.

Leggi tutto...

Finanziamento soci nelle S.r.l. al tempo del Covid-19: opportunità e rischi

Il Decreto “Liquidità” ed il Decreto “Rilancio” hanno introdotto numerose misure d’emergenza che impattano sulle valutazioni dei soci di una PMI in merito all’opportunità di finanziare ovvero ricapitalizzare la propria società.

Innanzitutto, sino al 31 dicembre 2020, è sospeso l’obbligo di ricapitalizzazione della società (con l’alternativa della messa in liquidazione), in caso di riduzione del capitale per perdite (si tratta degli obblighi previsti dagli articoli 2446, 2447, 2482-bis del codice civile). Sino alla stessa data, anche i principi di redazione del bilancio (a cui fanno particolare attenzione le banche finanziatrici), potranno avvalersi di maggiore “flessibilità” nel dimostrare la prospettiva di continuità aziendale rispetto ai principi contabili ordinari.

Leggi tutto...

Decreto Rilancio - Rafforzamento patrimoniale imprese di medie dimensioni: un’altra occasione persa?

di Fabrizio Iliceto e Alfredo Della Bella

Con il Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34, c.d. “decreto rilancio” (il “Decreto”), art. 26 il Governo ha introdotto una serie di misure volte al rafforzamento patrimoniale delle imprese di medie dimensioni, che abbiano subito gravi perdite a seguito dell’emergenza COVID-19.

1) Credito d’Imposta per conferimenti in denaro

È riconosciuta una detrazione IRPEF e/o un credito di imposta IRES pari al 20% dell’investimento (utilizzabile a partire dalla dichiarazione dei redditi 2021, nonché in compensazione a partire a partire dal decimo giorno successivo alla medesima dichiarazione dei redditi), su un investimento massimo non eccedente Euro 2 milioni, a favore di soggetti IRPEF e/o IRES che effettuino conferimenti in denaro in:

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy

Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bologna
R&P Legal
Via D’Azeglio, 19
40123, Bologna - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy