Call Us +39 011 55.84.111

Mano del testatore guidata da un terzo: testamento nullo

Secondo la Corte di Cassazione è nullo il testamento olografo redatto da mano del testatore guidata da un terzo per difetto del requisito essenziale dell’autografia. Nel caso affrontato, il testamento era stato redatto con l’aiuto di un amico di vecchia data che, presa la mano del de cuius affetta da grave tremolio, l’aveva materialmente guidata, essendo il testatore incapace di scrivere da solo. Le sorelle del de cuius impugnavano, quindi, il testamento con cui il fratello aveva lasciato alla moglie importanti proprietà immobiliari. Secondo l’orientamento giurisprudenziale maggioritario, condiviso dalla Corte con la sentenza n. 5505 depositata il 6.3.2017: “deve ritenersi che , in presenza di aiuto e di guida della mano del testatore da parte di una terza persona, per la redazione di un testamento olografo, tale intervento del terzo, di per sé, escluda il requisito dell’autografia di tale testamento, indispensabile per la validità del testamento olografo, a nulla rilevando l’eventuale corrispondenza del contenuto della scheda alla volontà del testatore».

Leggi tutto...

Come si calcolano le donazioni a favore del coniuge di seconde nozze

Secondo i ricorrenti, figli di prime nozze, sarebbe irrazionale una loro equiparazione alla seconda moglie del padre, poiché la qualità di eredi legittimari che essi ricoprono è connaturata alla loro stessa esistenza e meritevole di maggior tutela. La Corte di Cassazione non ha condiviso tale tesi, ritenendo il coniuge portatore dei medesimi diritti successori: pertanto, per determinare, ai sensi dell’art. 556 c.c., l’ammontare della quota di cui il de cuius poteva disporre, devono essere tenuti in considerazione tutti i beni donati in vita dal defunto, sia successivamente al sorgere del nuovo matrimonio sia precedentemente a tale momento (nel caso di specie è stata ricompresa anche una donazione indiretta di 20 milioni  di lire effettuata dal de cuius a favore della moglie prima del matrimonio).

Leggi tutto...

Testamento olografo: non è sufficiente disconoscerlo, occorre l’accertamento negativo

Per contestare l’autenticità del testamento olografo, cioè scritto di pugno dal testatore e recante data e firma, occorre proporre l’azione di accertamento negativo in ordine alla provenienza dello stesso. Non basta, infatti, limitarsi a disconoscere il testamento, ma occorre dimostrare specificamente quanto affermato: “l’onere della prova spetta all’attore che chieda di accertare la non provenienza del documento da chi apparentemente ne risulta l’autore”. La sentenza della Corte di Cassazione n. 1995, del 2 febbraio 2016, ribadisce il principio espresso recentemente dalle Sezioni Unite – sentenza n. 12307/2015.

Leggi tutto...

Diritto della famiglia e delle successioni: gli orientamenti più significativi della Corte di Cassazione nell’anno 2015

Pubblicata la rassegna della giurisprudenza di legittimità civile della Corte di Cassazione, che raccoglie alcune massime e pronunce tra le più significative dell’anno 2015. Tra gli argomenti affrontati dalla Corte in materia di famiglia: il regime patrimoniale della famiglia, la crisi del matrimonio e l’addebito, l’assegno di mantenimento per il coniuge, il collocamento dei figli minori e il riparto degli oneri tra i genitori, i figli nati fuori dal matrimonio. Nell’ambito delle successioni, ripercorsi, tra gli altri, i temi della reintegrazione della quota riservata ai legittimari, del testamento, della divisione ereditaria e del pagamento dei debiti ereditari.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy

Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bologna
R&P Legal
Via D’Azeglio, 19
40123, Bologna - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy