Call Us +39 011 55.84.111

Chiara Fazio

Chiara Fazio

E’ specializzata in diritto tributario. Presta consulenza in materia di fiscalità domestica ed internazionale, assistenza in sede precontenziosa dinanzi alle Autorità dell’Amministrazione finanziaria e difesa nella fase del contenzioso innanzi alle Commissioni Tributarie. 

Profilo: http://www.replegal.it/it/professionisti/tutti-i-collaboratori/401-chiara-fazio.html

Rottamazione: nuova chance per i contribuenti

  • 24 October 2017 |
  • Pubblicato in Tax

L’art. 1 del Decreto Fiscale n. 148/2017 (c.d. Legge di Bilancio 2018), pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 16 ottobre, ha esteso la portata della cosiddetta “rottamazione dei ruoli” prevista dal D.L. n. 193/2016, attraverso tre importanti novità.

Per contribuenti, ammessi alla precedente rottamazione, che non abbiano adempiuto alle rate di luglio e settembre 2017, la Legge di Bilancio 2018 ha prorogato al prossimo 30 novembre il termine per corrispondere quanto dovuto, senza penalità ulteriori.

I debitori, non ammessi alla precedente rottamazione, poiché non in regola con il pagamento delle rate - relative a dilazioni di pagamento precedentemente richieste - in scadenza al 31 dicembre 2016, invece, potranno presentare l’istanza di definizione agevolata entro il 31 dicembre 2017. In tale caso, le rate dei piani di dilazioni non corrisposte dovranno essere necessariamente versate entro il 31 maggio 2018, a pena di improcedibilità.

Infine, per i contribuenti aventi carichi affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017, la procedura potrà essere definita presentando l’istanza entro il 15 maggio 2018 e provvedendo al pagamento di un numero massimo di 5 rate di uguale importo, con scadenza nei mesi di luglio, settembre, ottobre e novembre 2018 e febbraio 2019.

Link alla fonte

Nullo l’avviso di accertamento con delega in bianco

  • 29 May 2017 |
  • Pubblicato in Tax

Con l’ordinanza n. 12960, depositata il 23 maggio scorso, la Cassazione è tornata nuovamente sul tema della sottoscrizione degli avvisi di accertamento e, in particolare, sulle deleghe di firma prive del nominativo del soggetto delegato, c.d. deleghe “in bianco”.

La Suprema Corte ha affermato l’illegittimità della delega impersonale “che si limiti ad indicare la sola qualifica professionale del delegato, senza consentire al contribuente di verificare agevolmente la ricorrenza dei poteri in capo al sottoscrittore”, chiarendo definitivamente che, in mancanza di una “delega nominativa”, l’atto impositivo è da considerarsi nullo.

L’ispezione in azienda può prolungarsi oltre i termini

  • 29 April 2017 |
  • Pubblicato in Tax

Le ispezioni dell’Amministrazione finanziaria presso i locali del contribuente possono prolungarsi anche oltre il limite di trenta o sessanta giorni previsto per legge. E’ quanto statuito dalla Corte di Cassazione che, ribaltando la pronuncia della Commissione Tributaria Regionale di Venezia, non ha ritenuto il superamento dei termini di permanenza causa di nullità dell’atto impositivo.

Chiarisce la Suprema Corte, infatti, che “in tema di verifiche tributarie, il termine di permanenza degli operatori civili o militari dell’Amministrazione finanziaria presso la sede del contribuente è meramente ordinatorio, in quanto nessuna disposizione lo dichiara perentorio, o stabilisce la nullità degli atti compiuti dopo il suo decorso, né la nullità di tali atti può ricavarsi dalla ratio delle disposizioni in materia, apparendo sproporzionata la sanzione del venir meno del potere accertativo fiscale a fronte del disagio arrecato al contribuente dalla più lunga permanenza degli agenti dell’Amministrazione” (ordinanza n. 10481 del 27 aprile 2017).

Sulla “rottamazione” arrivano gli ultimi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

  • 17 March 2017 |
  • Pubblicato in Tax

Con la Circolare n. 2/E dell’8 marzo 2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alla procedura di adesione alla definizione agevolata introdotta dal Decreto Legge n. 193/2016 (c.d. rottamazione delle cartelle di pagamento). Oltre a ribadire che potranno essere oggetto di rottamazione i carichi affidati – i.e. le somme trasmesse - all’Agente della riscossione dal 2000 al 2016, l’Agenzia delle Entrate ha specificato, tra l’altro, che il procedimento di definizione - che inizia con la presentazione di una apposita dichiarazione all’Agente della riscossione entro il 31 marzo 2017 - termina e si considera perfezionato esclusivamente con il pagamento integrale e tempestivo delle somme dovute. La Circolare chiarisce, inoltre, che sono ammessi alla definizione agevolata anche i debiti oggetto di piani di rateizzazione già in corso, a condizione che risultino adempiuti i versamenti con scadenza fino al 31 dicembre 2016. Il mancato o ritardato pagamento della prima o unica rata accordata con la procedura di rottamazione, tuttavia, determinerà non solo l’inefficacia della definizione ma anche l’impossibilità di richiedere una nuova rateizzazione.

Per le start-up innovative aumentano le agevolazioni fiscali

  • 23 January 2017 |
  • Pubblicato in Tax

Con la Legge di Bilancio 2017 sono state incrementate le agevolazioni fiscali riconosciute in favore delle start-up c.d. “innovative”, il cui oggetto sociale (esclusivo o prevalente) sia lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Fra le novità più rilevanti: l’abolizione dell’imposta di bollo e dei diritti di segreteria sull’atto costitutivo, l’aumento delle detrazioni fiscali dal 19% al 30% e l’innalzamento dell’investimento massimo detraibile da 500 mila ad 1 milione di euro.

I contribuenti che vorranno beneficiare di tali agevolazioni, tuttavia, dovranno investire risorse nel capitale delle start-up innovative (non più per due, ma) per almeno tre anni.

Cinque rate e nuove scadenze per la rottamazione

  • 12 December 2016 |
  • Pubblicato in Tax

E’ ora definitivo il testo dell’articolo 6 del D.L. n. 193 del 2016, relativo alla definizione agevolata dei carichi affidati ad Equitalia, c.d. rottamazione. Il contribuente, presentando apposita dichiarazione entro il 31 marzo 2017, avrà la possibilità di estinguere i debiti iscritti a ruolo dal 2000 al 2016, senza corrispondere sanzioni e interessi di mora,  mediante pagamento in unica soluzione o in cinque rate. Per chi intendesse avvalersi della dilazione di pagamento, il 70% dell’ammontare dovuto dovrà essere versato entro il 2017, in tre rate di pari importo con scadenza nei mesi di luglio, settembre e novembre, mentre il restante 30% nei mesi di aprile e settembre del 2018.

Evasione IVA: è punito penalmente chi gestisce la società

  • 26 November 2016 |
  • Pubblicato in Tax

La Cassazione penale, con la sentenza  n. 47239 del 10 novembre 2016, ha riconosciuto nell’amministratore di fatto (e non nell’amministratore di diritto) il soggetto responsabile penalmente per la condotta evasiva tenuta dalla società. Mentre all’amministratore di diritto può, infatti, essere attribuita esclusivamente una responsabilità a titolo di concorso, è l’amministratore di fatto a risponde penalmente per l’omesso versamento dell’imposta sul valore aggiunto. A tale conclusione la Suprema Corte è giunta sull’assunto che “il vero soggetto qualificato (e responsabile) non è il prestanome ma colui il quale effettivamente gestisce la società perché solo lui è in condizione di compiere l’azione dovuta”.

Società di comodo e crisi di settore

  • 14 October 2016 |
  • Pubblicato in Tax

La Corte di Cassazione, anche sulla scia della grave crisi economica che ha investito numerose imprese del nostro Paese,  con la sentenza n. 12777/2016, ha chiarito che nell’ipotesi di “impresa industriale in stato di crisi, si [può] escludere che la stessa rientri nella disciplina delle società di comodo, risultando piuttosto una società che non era in grado di svolgere la propria attività caratteristica”.

In buona sostanza, per la Suprema Corte, la disciplina delle società non operative potrà essere disapplicata tutte le volte in cui la società riesca a dimostrare l’esistenza di una crisi di settore, che abbia reso impossibile il conseguimento di un reddito minimo non inferiore a quello presuntivo.

Trust: l’imposta di donazione non è sempre dovuta.

  • 10 July 2016 |
  • Pubblicato in Tax

In tema di vincoli di destinazione di beni, la sentenza n. 4482/2016 della Corte di Cassazione, lascia aperta la possibilità di escludere l’applicazione dell’imposta di donazione per l’“istituzione di vincoli per cui è prevista una specifica disciplina o mirati a effetti espressamente approvati dal legislatore”.

Potrebbero, quindi, sfuggire all’applicazione dell’imposta i vincoli di destinazione sorti per scopi meritevoli di tutela da parte dell’ordinamento, quali ad esempio i trust costituiti per la definizione dei rapporti dell’impresa in crisi.

Brexit: quali le conseguenze fiscali?

  • 26 June 2016 |
  • Pubblicato in Tax

L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea avrà un impatto rilevante anche dal punto di vista fiscale. Al di là delle conseguenze in materia di IVA e dazi doganali, le problematiche si estendono anche ai benefici ed alle agevolazioni che discendono dalle Direttive comunitarie: dall’esenzione d’imposta sui dividendi distribuiti ad una società estera europea (Direttiva Madre-Figlia), alle agevolazioni in materia di interessi e royalties (Direttiva Interessi e Royalties), passando per le discipline in tema di operazioni straordinarie transnazionali e società controllate estere, la Brexit creerà non poche ripercussioni nei rapporti con l’isola britannica.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy