Call Us +39 011 55.84.111

Via libera del Garante Privacy ai servizi online per aggiornare i familiari sui pazienti in pronto soccorso

di Chiara Agostini e Luisa Bellisario

A conclusione di un’attenta istruttoria che aveva causato la sospensione del servizio, il Garante Privacy, nella newsletter pubblicata il 6 aprile, ha reso noto il proprio nulla osta all’interessante progetto avviato lo scorso anno da una Asl.

Il progetto:

Nello specifico, il servizio attivato dall’azienda sanitaria prevede che il paziente, al termine del triage, possa autorizzare l’invio di un link ad un proprio familiare, che consenta a tale soggetto di aver accesso ad alcune informazioni sullo stato del paziente, quali le procedure di cura effettuate, i tempi di attesa, le dimissioni e l’eventuale trasferimento in reparti di degenza.

Tali informazioni, accessibili per le 48 ore successive alla dimissione dal pronto soccorso, non riguardano dati diagnostici o anagrafici del paziente, ma si limitano a riportare il codice di accettazione e l’elenco cronologico delle visite e degli esami effettuati.

L’istruttoria:

Nel corso del procedimento, il Garante privacy aveva evidenziato alcune criticità riguardanti le valutazioni dell’azienda sanitaria circa la necessità e proporzionalità dei trattamenti effettuati rispetto alle finalità perseguite, la tipologia di informazioni visualizzabili tramite il link, nonché il contenuto dell’informativa e del form del consenso per l’adesione al servizio.

Le citate rimostranze hanno portato l’azienda sanitaria ad effettuare una nuova valutazione di impatto e diverse modifiche al progetto; alcune delle correzioni particolarmente apprezzate dal Garante privacy riguardano:

  • l’esclusione dal presente servizio di determinate tipologie di accessi al pronto soccorso, quali i casi particolarmente gravi, ovvero quelli derivanti da episodi di violenza;
  • la scelta di non indicare dettagliatamente la tipologia di visita effettuata dal paziente in pronto soccorso.

La positiva conclusione di questo procedimento è rilevante soprattutto alla luce dell’emergenza sanitaria in corso e delle criticità che essa ha provocato nella gestione del pronto soccorso; l’implementazione diffusa di progetti di questo tenore, infatti, renderebbe maggiormente agevole la pronta informazione dei familiari sullo stato di salute dei pazienti ricoverati.

Chiara Agostini

Avvocato esperto nella tutela della proprietà intellettuale ed industriale.

Sito web: www.replegal.it/it/cerca-i-professionisti/122-chiara-agostini.html

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy

Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bologna
R&P Legal
Via D’Azeglio, 19
40123, Bologna - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy