Call Us +39 011 55.84.111

La riforma del lavoro nell’ordinamento sportivo

di Roberto Testa e Mario Gatti

Con la Legge n. 96 del 2019, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 191 del 16.08.2019 ed in vigore a partire dal 31 agosto 2019 è stata attribuita ampia delega al Governo, affinché provveda alla riforma dell’ordinamento sportivo e delle professioni sportive.

Il Governo è delegato ad adottare - entro 12 mesi dall’entrata in vigore della Legge - uno o più decreti legislativi di riordino e di riforma delle disposizioni che riguardano sia gli atleti professionisti che non professionisti e soprattutto una regolamentazione organica del rapporto di lavoro sportivo, riconoscendone specificità e identità propria

La delega non si ferma agli aspetti propriamente “tecnici” ed è invero ben più ampia, in quanto coinvolge la riorganizzazione dei centri sportivi scolastici e la promozione, sviluppo e rappresentanza delle donne nello sport, in conformità ai principi del codice di pari opportunità tra uomo e donna. La figura del lavoratore sportivo dovrà essere individuata, indipendentemente dalla natura dilettantistica o professionistica dell'attività di riferimento, in via unitaria, garantendo anche ad atleti non professionisti adeguate tutele e coperture in ambito assicurativo, previdenziale e fiscale.

A tutt’oggi, l’art. 5 co. 2 lett. d) D.Lgs. 242/1999 attribuisce al Consiglio Nazionale del CONI il compito di stabilire – nell’ambito di ciascuna Federazione sportiva nazionale – i criteri per la distinzione dell’attività sportiva dilettantistica da quella professionistica. A tutti gli atleti non professionisti (a prescindere dalla disciplina di appartenenza) viene preclusa qualsiasi forma di lavoro – sia autonomo che subordinato – con i conseguenti svantaggi e carenze di tutele in materia contrattuale, assistenziale e previdenziale.

La nuova normativa è dunque chiamata ad intervenire in un’ottica di riallineamento con le previsioni dell’orientamento comunitario, secondo il quale deve essere data rilevanza, non alla formale distinzione tra sportivo professionista e dilettante, bensì alla natura economica o meno dell’attività svolta.

In quest’ottica è demandato dalla predetta Legge, di provvedere anche al riordino del CONI, definendone il perimetro di operatività (in un’ottica di maggior autonomia delle diverse Federazioni Sportive Nazionali) e i compiti di vigilanza affinché lo stesso verifichi che le attività sportive delle diverse Federazioni siano svolte in armonia con gli indirizzi e le linee guida del Comitato Olimpico Internazionale (CIO).

Infine, è previsto (sub art. 6) anche il riordino delle disposizioni in materia di rapporti di rappresentanza degli atleti, con particolare focus sulla professione dell’agente sportivo. La delega al Governo prevede una ampia riforma anche di tale ruolo, nell’ottica di garantire autonomia, trasparenza e indipendenza a tale figura, con l’introduzione “di norme per la disciplina dei conflitti di interessi, che garantiscano l'imparzialità e la trasparenza nei rapporti tra gli atleti, le società sportive e gli agenti, anche nel caso in cui l'attività di questi ultimi sia esercitata in forma societaria”.

Si tratta dunque di una riforma a 360°, finalizzata a disciplinare un istituto – quello del rapporto di lavoro sportivo – fin qui scarsamente normato, che porterà rilevanti novità nell’ordinamento sportivo e destinato senz’altro ad impattare sugli operatori del settore, sia società sportive che atleti.

Roberto Testa

Si occupa esclusivamente di diritto del lavoro. Ha maturato una vasta esperienza nel campo del contenzioso e dell’assistenza stragiudiziale e contrattuale con particolare attenzione ai contratti di appalto, di agenzia e di organizzazione della rete vendita. La sua attività spazia in diversi ambiti della materia. Presta assistenza alle imprese in occasione di trasferimento di azienda e/o dei suoi rami, di piani di ristrutturazione, processi di riorganizzazione nell’ambito di procedure di gestione della crisi di impresa, anche in sede concorsuale, con riferimento alle problematiche connesse alle risorse umane. È patrocinante in Cassazione.

Sito web: www.replegal.it/it/professionisti/cerca-i-professionisti/146-roberto-testa

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy

Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bologna
R&P Legal
Via D’Azeglio, 19
40123, Bologna - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy