Call Us +39 011 55.84.111

SIAE assolta da accuse di pratiche anti-concorrenziali

Con sentenza emessa lo scorso 12 aprile 2013, il Tribunale dell’Unione europea ha deciso in ordine ad un ricorso presentato dalla Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE) per l’annullamento di una decisione presa dalla Commissione europea, nel 2008, nei confronti della medesima SIAE e di altre società di gestione collettiva europee facenti parte della Confederazione internazionale delle società di autori e compositori (CISAC), un’organizzazione non governativa senza scopo di lucro che rappresenta, in un centinaio di paesi, le società di gestione collettiva dei diritti d’autore relativi, segnatamente, alle opere musicali.

Il Tribunale dell’Unione europea ha accolto, parzialmente, detto ricorso, annullando la decisione impugnata nella parte in cui veniva accertata l’esistenza di una pratica concordata con cui ognuna delle predette società di gestione collettiva avrebbe limitato, negli accordi di rappresentanza reciproca, il diritto di concessione di licenze relative al proprio repertorio sul territorio dell’altra società di gestione collettiva contraente.
Tribunale UE.pdf

Commento
Con la sentenza in commento, il Tribunale dell'Unione Europea ha escluso, dunque, che la SIAE e le altre società di gestione collettiva europee abbiamo attuato pratiche anti-concorrenziali sfavorevoli agli operatori del settore musicale.
Nel motivare la propria decisione, invero, il Tribunale dell’Unione europea ha osservato come la Commissione, da un lato, non disponeva di documenti che comprovassero l’esistenza di una concertazione tra le società di gestione collettiva per quanto riguarda la portata territoriale dei mandati che dette società si conferivano, e, dall’altro, non ha confutato la plausibilità della tesi della ricorrente secondo cui il comportamento parallelo delle società medesime non era frutto di concertazione, essendo invece dovuto alla necessità di lottare efficacemente contro le utilizzazioni non autorizzate delle opere musicali.
Si chiude così, pertanto, quello che può essere considerato l'ultimo capitolo di una querelle legale iniziata diversi anni or sono, laddove, nel 2000, RTL denunciò una società aderente alla CISAC  per aver rifiutato la concessione di una licenza europea per l'attività di radiodiffusione musicale.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy