Call Us +39 011 55.84.111

Condivisione on-line di brani musicali – maxi-sanzione

autore:

Roberta Avarello

Lo scorso 25 giugno, una sentenza della Corte di appello del Massachusetts ha confermato la decisione di primo grado secondo cui il sig. Joel Tenenbaum, di Boston, dovrà pagare 675.000 dollari ad alcune etichette discografiche statunitensi, per aver illecitamente condiviso on-line, per mezzo della rete Kazaa, applicazione peer to peer per il file-sharing, 30 brani musicali.


Corte d’appello Massachussets.pdf

Commento
La decisione in parola, giunta dopo un estenuante tira e molla legale sull'esatta entità dei danni causati alle etichette discografiche attrici, sta destando non poche polemiche.
A detta di molti, infatti, la maxi-sanzione comminata nei confronti del sig. Tenenmbaum sarebbe del tutto sproporzionata rispetto all’esiguo numero di brani, 30, illegittimamente condivisi on-line dallo stesso.
Proprio in ragione dell’esiguo numero di canzoni condivise, la difesa del sig. Tenenbaum ha tentato di convincere il giudice che la conferma della condanna di primo grado, basata sul calcolo presentato dalle etichette discografiche per ottenere un maxi-risarcimento per lo sharing illecito delle opere, sarebbe stato del tutto anticostituzionale.
Secondo la Corte di appello del Massachusetts, tuttavia, detto calcolo, ovvero 22.500 dollari per ciascun brano scaricato, non sarebbe sproporzionato, ed anzi, ha precisato la Corte, la sanzione fissata “sarebbe di gran lunga inferiore a quella prevista dalle leggi statunitensi sul copyright, negli statutory damages fissati a 150.000 dollari per opera sfruttata in maniera indebita”.
(R.A.)

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy