Call Us +39 011 55.84.111

Riccardo Sciaudone moderatore della 4a giornata di formazione privacy in ambito sanitario organizzata da AIOP Abruzzo

Dopo il successo della 3a giornata di formazione privacy in ambito sanitario, l’Avv. Riccardo Sciaudone, Partner dello studio R&P Legal, aprirà gli interventi della 4a giornata di formazione promossa dall’Associazione italiana ospedalità privata per l’Abruzzo (“AIOP Abruzzo”), avente ad oggetto l’impatto del nuovo Regolamento UE 2016/679 (GDPR) sulle strutture sanitarie.

L’evento L’insegnamento e la guida del Garante per districarsi nel mondo GDPR”, che ospiterà la dott.ssa Valentina Fiorillo, Funzionario dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali, si terrà a Pescara il 1° dicembre 2017 ed inizierà alle ore 9.30 (per i dettagli, si rinvia al programma allegato).

Oltre ad essere moderatore, l’avv. Sciaudone illustrerà casi pratici, oggetto di esame da parte del Garante, e procederà ad una disamina delle novità introdotte dal GDPR nel settore sanitario.

L’avv. Sciaudone sarà coadiuvato dall’avv. Eleonora Caravà, Associate di R&P Legal.

Leggi tutto...

Riccardo Sciaudone moderatore della 3a giornata di formazione privacy in ambito sanitario organizzata da AIOP Abruzzo

  • 17 November 2017 |
  • Pubblicato in News

Lo studio R&P Legal, con il Partner Riccardo Sciaudone, ha organizzato il secondo ciclo di seminari e corsi di formazione, promossi dall’Associazione italiana ospedalità privata per l’Abruzzo (“AIOP Abruzzo”), aventi ad oggetto l’impatto del nuovo Regolamento UE 2016/679 (GDPR) sulle strutture sanitarie.

L’evento “Il GDPR nelle strutture sanitarie: applicazioni e casi pratici” si terrà a Pescara il 21 novembre 2017 a partire dalle ore 9.30 (per i dettagli, si rinvia alla locandina allegata).

Oltre ad essere relatore, Riccardo Sciaudone modererà gli interventi degli altri esperti che parteciperanno alla 3a giornata di formazione, tra cui l’Avv. Michele Iaselli (Vicedirigente del Ministero della Difesa e Presidente dell’Associazione Nazionale per la Difesa della Privacy) e il Dott. Giovanni Lucatorto (DPO dell’A.O.U. Policlinico Consorziale di Bari).

Leggi tutto...

L’ Avv. Riccardo Sciaudone relatore nella tavola rotonda “Trasparenza e big data” all’Università degli Studi Roma Tre

L’Avv. Riccardo Sciaudone, Partner dello Studio R&P Legal, parteciperà in qualità di relatore alla tavola rotonda in tema di “Trasparenza e big data” organizzata dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre, che si terrà il 6 ottobre a partire dalle ore 9.30.

Programma dell'evento

Leggi tutto...

Gli avvocati Vaciago e Giordano di R&P Legal docenti del Corso di Perfezionamento in Criminalità Informatica ed Investigazioni Digitali

Gli avvocati Giuseppe Vaciago e Marco Tullio Giordano del dipartimento di diritto penale di R&P Legal parteciperanno, in veste di docenti, alla decima edizione del Corso di Perfezionamento organizzato dalla cattedra di Informatica Giuridica della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano. Oggetto del corso post-laurea sarà la Criminalità Informatica e le Investigazioni Digitali. Le iscrizioni sono aperte sino al 26 settembre p.v.

Link alla fonte

Leggi tutto...

Facebook: il garante della privacy spagnolo multa la società per 1,2 milioni

Lunedi 11 settembre il Garante della Privacy spagnolo, l’Agencia Española de Protección de Datos (cd. Aepd), ha multato Facebook per violazione della legge sulla protezione dei dati personali. In particolare, secondo l’autorità spagnola, Facebook avrebbe raccolto i dati degli utenti (come religione, ideologia, gusti personali ecc.) per scopi pubblicitari senza informarli chiaramente sull’utilizzo e lo scopo della raccolta e continuerebbe a conservare i dati per più di 17 mesi dalla chiusura dell’account degli iscritti. Facebook inoltre, secondo l’Aepd, raccoglierebbe anche dati da utenti non iscritti a Facebook che navigano sulle pagine contenti il pulsante “like”.

Facebook ora dispone di un termine di due mesi per contestare la multa.

Link alla fonte

Leggi tutto...

Regolamento Privacy Ue e certificazione in materia di dati personali

Il Garante Privacy e ACCREDIA hanno richiamano l'attenzione sulla necessità di attendere la definizione di criteri e requisiti comuni per la conformità delle certificazioni in materia di protezione dati al Regolamento UE 2016/679. Un monito importante ai vari soggetti che stavano organizzando corsi per la certificazione della funzione del Data Protection Officer.

Link alla fonte

Leggi tutto...

Telemedicina e Privacy - l'eterna lotta tra i due mondi in cui anche l'Italia dice la sua

Il contributo di Riccardo Sciaudone e di Eleonora Caravà di R&P Legal su "Diritto24 - IlSole24Ore" illustra i risultati e le performance del robot “dottore”, sviluppato nell’ambito del progetto ReMeDi (finanziato con fondi Ue provenienti da Horizon 2020), e le criticità che la telemedicina può sollevare in termini privacy, fornendo “in pillole” alcuni suggerimenti pratici dal punto di vista legale.

Link alla fonte

Leggi tutto...

La Camera approva la nuova legge di contrasto al Cyberbullismo

La Camera ha definitivamente approvato, dopo un lungo iter legislativo, la proposta di legge n. 3139-B di contrasto al cosiddetto “cyberbullismo”, che viene definito come «qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito dei dati personali in danno di minorenni, nonché la diffusione di contenuti online il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo».  Tra gli aspetti di maggior rilievo, è stata abbassata a 14 anni l’età minima per richiedere ai social network la rimozione di un contenuto sgradito, anche se apparentemente esso non prefiguri una ipotesi di reato; se il sito non provvederà a rimuovere il contenuto entro 48 ore, potrà farlo il Garante per la protezione dei dati personali nelle successive 48 ore. Inoltre, ove il responsabile abbia tra i 14 ed i 18 anni, non scatterà un processo ma solamente la cosiddetta “procedura di ammonimento”: una serie di misure di dissuasione simili a quelle già previsto nella legge anti-stalking.

Link alla fonte

Leggi tutto...

La legge sulla protezione dei dati personali spiegata in modo semplice

Avvocati provenienti da 32 paesi hanno contribuito alla creazione ed al lancio della più grande piattaforma di informazione Europea, denominata Cloud Privacy Check (CPC), che spiega la normativa sulla protezione dei dati personali in modo semplice e gratuito avuto particolare riguardo ai servizi cloud. Il CPC mette a confronto la disciplina nazionale di 32 paesi consentendo alle aziende interessate di ottenere importanti benefici e risparmi di spesa.
Comprendere la complessità dell’attuale normativa Europea sulla protezione dei dati personali non è agevole neppure per gli operatori di settore. Se a ciò si aggiungono le spesso minime ma generalmente significative differenze esistenti tra le discipline dei vari Stati membri dell’UE, districarsi in tale contesto può diventare particolarmente complicato senza un adeguato supporto che consenta di interpretarne correttamente fin dall’inizio le varie sfaccettature.
EuroCloud Austria, in persona del suo presidente Dott. Tobias Höllwarth, ha promosso un’iniziativa innovativa mirata a costruire uno strumento che potesse semplificare la comprensione di questo insieme di norme coinvolgendo più di 40 avvocati provenienti da tutta Europa.
Per l’Italia sono stati prescelti gli avvocati Gianluca Morretta e Chiara Agostini di R&P Legal e gli Avv.ti Iacopo Destri e Anna Maria Lotto di C-Lex Studio Legale.
Il Cloud Privacy Check (CPC), risultato di tale importante sforzo multi-giurisdizionale, è rinvenibile all’indirizzo cloudprivacycheck.eu, sito che presenta una forte fruibilità, grazie all’impiego di varie infografiche ed utili strumenti di raffronto, e che spiega i principi della normativa relativa alla protezione dei dati personali in 26 lingue.
L’avv. Iacopo Destri dichiara: ”Purtroppo in Europa non è solo la diversità delle lingue nazionali a creare difficoltà: i fornitori di servizi Cloud e gli utenti devono affrontare importanti ostacoli in materia di protezione dei dati personali, che si traducono in un rilevante svantaggio competitivo rispetto ad altri mercati come quello USA.”
L’avv. Chiara Agostini dichiara: “Questa iniziativa è il frutto di una importante collaborazione internazionale di professionisti specializzati nella protezione dei dati personali che hanno deciso di collaborare per creare uno strumento che possa fornire un maggior livello di educazione e consapevolezza negli operatori e nei fruitori dei servizi cloud. Ciò con l’auspicio di poter contribuire all’evoluzione sostenibile di strumenti che rappresentano il futuro dell’impresa e che avranno sempre più un importante impatto nella vita di tutti i cittadini”.
Il Cloud Privacy Check (CPC) si propone di semplificare i processi decisionali per gli operatori ed utenti dei servizi cloud. Inoltre, l’accesso al database di Data Protection Compliance fornirà utili informazioni - per ben 32 paesi - che potranno essere agevolmente messe a confronto e comparate.
Tobias Höllwarth (EuroCloud) dichiara: “Questo è un progetto europeo. Con il portale CPC abbiamo creato la più grande piattaforma europea di informazione che si propone di spiegare gratuitamente la normativa privacy in termini più semplici confrontando 32 diverse discipline nazionali. Questo strumento permetterà alle aziende interessate di ottenere notevoli risparmi di spesa.”

L'avvocato Chiara Agostini di R&P Legal e l'avvocato Iacopo Destri di C-Lex Studio Legale rispondono ad alcune domande in questa intervista:

Qual è il valore aggiunto del Cloud Privacy Check (CPC)?
Avv. Iacopo Destri: Il Cloud Privacy Check (CPC) fornisce ai clienti di servizi cloud un quadro iniziale del contesto di riferimento. Ovviamente, il CPC non può sostituire la consulenza professionale di un legale ma consente di identificare fin dall’inizio le principali questioni che debbono essere prese in considerazione, con conseguente risparmio di tempo e costi di consulenza.
In che cosa consiste il primo livello di valutazione effettuato utilizzando il CPC, per esempio?
Avv. Chiara Agostini: Nella prima fase di utilizzo del CPC, si determina se effettivamente il servizio in esame comporta il trattamento di dati personali. Se la risposta è affermativa, si passa alla seconda fase del Cloud Privacy Check. In questa fase, viene verificato se un terzo tratta o ha accesso a dati personali. La risposta a tali quesiti dipende dalla tipologia di servizio cloud richiesto dal cliente.
Ci sono differenze tra le normativa nazionali?
Avv. Iacopo Destri: Ci sono alcune differenze e peculiarità in quasi tutti i paesi, e portarle a conoscenza dei soggetti interessati rappresenta proprio la finalità del servizio che abbiamo sviluppato. Abbiamo creato Report nazionali omogenei ed uniformi, sia per struttura che linguaggio, così da poter agevolmente confrontare le varie esperienze nazionali. Le differenze sono peraltro agevolmente identificabili in quanto sono evidenziate in colore arancione.”
Come pensate di procedere in futuro?
Avv. Chiara Agostini: Per il momento abbiamo creato una rete internazionale di studi legali in più di 30 paesi mettendo a disposizione CPC in 26 lingue e senza alcun costo. Il nostro portale di informazione è progettato per aiutare le persone a comprendere ed applicare le leggi sulla protezione dei dati personali con riferimento ai servizi cloud in modo semplice e rapido e di confrontarle tra loro. Auspichiamo che il portale CPC possa diventare un punto di riferimento per reperire informazioni su questioni relative alla protezione dei dati personali. Abbiamo in progetto di integrare il portale con le modifiche apportate dal nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati Personali, pubblicare risposte alle domande più frequenti che verranno sottoposte o emergenti dalla prassi operativa, continuando sempre a proporre aggiornamenti sugli argomenti più rilevanti del settore, sempre a titolo gratuito.
Il CPC è utile anche per clienti di grandi dimensioni con funzioni legali interne?
Avv. Iacopo Destri: Si. Va osservato, però, che l’uso del CPC dovrebbe essere coordinato e concordato con il dipartimento legale interno. Non va dimenticato che il CPC non può sostituire
la valutazione e la consulenza di un legale. L’esecuzione di tale analisi rientra infatti tra le funzioni del dipartimento legale interno che ben conosce ed è in grado di valutare appieno l’impatto di certe attività aziendali sulla disciplina privacy. Comunque la condivisione del CPC con l’ufficio legale interno può, tuttavia, agevolare l’identificazione di un linguaggio comune con le altre funzioni aziendali e facilitare il processo di compliance.

Leggi tutto...

Il Tribunale di Milano sconfessa il Garante sul diritto all’oblio e ordina la rimozione di un articolo non pertinente

Un Giudice civile presso il Tribunale di Milano ha accolto la richiesta di rimozione dai risultati dei motori di ricerca di un articolo, pubblicato su un quotidiano online, risalente al 2010, dopo che sia il Garante della Privacy che Google avevano rigettato le istanze della richiedente. A parere dell’Autorità Garante, infatti, persisteva un interesse pubblico alla notizia, che peraltro non doveva considerarsi diffamatoria. Il Giudice civile, tuttavia, ha smontato queste motivazioni ha sostenuto il diritto della ricorrente alla “protezione dell’identità personale, alla disassociazione del proprio nome da un risultato di ricerca” e quindi alla rimozione dei contenuti che, seppur non diffamatori, attualmente“risultano non aggiornati, non pertinenti, non completi”, e quindi non più di interesse pubblico. 

Link alla fonte

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
agostini
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
decarlo
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
depalma2
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
egitto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
lodigiani2
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
morretta
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
perugini2
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
rossotto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
togliatto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
perin
Of Counsel
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
bonomo
Collaboratore
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
brandoli
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
bura
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
cataldi2
Collaboratore
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
giordano
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
giovine
Collaboratore
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
maggia
Collaboratore
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
mangili
Collaboratore
BergamoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
mosca
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pataracchia
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
salluce
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy