Call Us +39 011 55.84.111

Niente tutela penale per un titolo di privativa non ancora concesso

autore:

Alberto Fogola

Con due recenti sentenze, la Corte di Cassazione penale ha escluso la sussistenza dei reati di cui agli artt. 473 e 474 c.p., se il titolo di privativa imitato non sia ancora stato concesso, ossia si trovi allo stato di domanda.
Cass. pen. 26 giugno 2012, n.25273.pdf
Cass. pen. 31 ottobre 2012, n.42446.pdf

Commento
Nell’ambito di due procedimenti, il primo per il reato di cui all’art. 473 c.p. (“Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni”) ed il secondo per quello di cui all’art. 474 c.p. (“Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni mendaci”), la Corte di Cassazione si è espressa sulla tutelabilità penale di una domanda di marchio, giungendo a conclusioni diverse rispetto alle pronunce dei giudici di appello e ad alcuni propri precedenti.
In particolare, la Suprema Corte, accogliendo un orientamento di legittimità piuttosto risalente, ha riconosciuto che per la configurabilità dei reati di cui agli artt. 473 e 474 c.p. “è necessario che il marchio o il segno distintivo, di cui si assume la falsità, sia stato depositato, registrato o brevettato nelle forme di legge all’esito della prevista procedura, sicché la falsificazione dell’opera dell’ingegno può aversi soltanto se essa sia stata formalmente riconosciuta come tale”.
La necessità di tale riconoscimento da parte dell’ordinamento deriva dal fatto che il bene giuridico protetto dalle fattispecie delittuose di interesse è l’interesse generale della fede pubblica e non quello particolare del soggetto titolare della domanda non ancora registrata.
Ad ulteriore conferma di tale conclusione, come riconosciuto in entrambe le sentenze soprarichiamate, vi sarebbe la novella legislativa di cui alla l. 23 luglio 2009, n. 99  che ha modificato  gli articoli in questione inserendo, tra l’altro, all’art. 473 c.p. l’inciso “potendo conoscere dell’esistenza del titolo di proprietà industriale” che riconduce la configurabilità di tale reato alle sole ipotesi di effettiva registrazione (o brevettazione) del titolo di privativa imitato: si può infatti conoscere solo un titolo già rilasciato, in quanto “la semplice richiesta dello stesso non dà luogo, di per sé, alla garanzia dell’esito positivo della procedura avviata”.
Dopo questa duplice presa di posizione della Suprema Corte che desta comunque qualche perplessità, è bene puntualizzare – anche per “tranquillizzare” i titolari dei marchi – che una domanda di marchio gode comunque di tutela, sul piano civilistico, ai sensi del codice della proprietà industriale; sul piano penalistico, invece, è unicamente configurabile il reato contro l’ordine pubblico di cui all’art. 517 c.p. (“Vendita di prodotti industriali con segni mendaci”) punito con pene più lievi rispetto alle fattispecie di cui agli artt. 473 e 474 c.p. e applicabile a prescindere dalla registrazione anche ai marchi di fatto.
(A.F.)

agostini
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
decarlo
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
depalma
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
egitto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
lodigiani1
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
morretta
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
perugini
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
rossotto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
sinelli-rolando
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
togliatto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
bonomo
Collaboratore
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
brandoli
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
cataldi
Collaboratore
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
giordano
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
giovine
Collaboratore
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
maggia
Collaboratore
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
mangili
Collaboratore
BergamoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
mosca
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
paesan
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
rappa
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy