Call Us +39 011 55.84.111

AGCOM: diritto d'autore e procedure ai sensi del D.lgs. 70/03

Con delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013[1] l’AGCOM ha varato il regolamento in materia di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica e procedure attuative ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70 (“Regolamento”).

Dopo un confronto durissimo durato diversi mesi, durante i quali è stato invocato l’intervento del Parlamento, della Corte Costituzionale, della Corte di Giustizia e della Corte Europea dei Diritti Umani per evitare quello che gli oppositori dell’AGCOM hanno definito un “attacco alle libertà fondamentali dell’individuo” e dopo il riscontro positivo (seppur condizionato all’adozioni di una serie di correttivi) della Commissione Europea, lo schema di regolamento è diventato un regolamento vero e proprio.

Nel numero di settembre 2013 di RepMag abbiamo illustrato gli elementi fondamentali e maggiormente innovativi del Regolamento. A seguito della consultazione pubblica e delle osservazioni della Commissione Europea l’AGCOM ha apportato diverse modifiche al testo del Regolamento rispetto alla bozza iniziale della scorsa estate: di seguito illustriamo le modifiche maggiormente rilevanti rispetto allo schema di regolamento iniziale. Le prime novità si trovano già tra le definizioni previste dall’art. 1 del Regolamento. La definizione di cui al punto f), diventata semplicemente “prestatore di servizi” e non più “prestatore di servizi della società dell’informazione”, precisa ora che l’attività di quest’ultimo è quella di mere conduit e hosting di cui all’art. 14 e 16 del D.lgs. 70/2003.

La definizione di “gestore della pagina internet” (punto h)), ora esclude dal proprio ambito l’attività dei prestatori di servizi di cui agli artt. 14, 15 e 16 del D.lgs. 70/2003 e precisa che l’attività del gestore si svolge nell’ambito di un sito internet (e non più “sulla rete internet”). La stessa definizione ora precisa che i collegamenti ipertestuali sono “link o torrent” (e non più “tracker”).

La definizione di “opera digitale” (punto p)) include ora anche “i programmi applicativi e i sistemi operativi per elaboratore” mentre quella di cui al punto z) è ora finalmente “torrent” e non più, erroneamente, quella di “tracker” (questa sostituzione è avvenuta anche nella definizione di “rimozione selettiva”).

E’ stata inoltre integrata anche la definizione di uploader (definizione aa)) con l’aggiunta della precisazione sui collegamenti realizzati con link e torrent mentre quella di “downloader” è stata eliminata per far posto alla definizione di “dowloading” (punto bb). Sono state infine introdotte le definizioni di “streaming” (cc)), “procedure di notice and take down” (dd)) e di “server” (ee)), assenti nella prima bozza.

In conseguenza delle modifiche alle definizioni sopra evidenziate, il paragrafo 3 dell’art. 2 non si riferisce più ai “downloader” ma “agli utenti finali che fruiscono di opere digitali in modalità downloading o streaming”.

In ambito procedurale i cambiamenti sono diversi e sostanziali, a partire dalla modifica dell’art. 5, che ora non richiede più, quale condizione di procedibilità, l’avvenuto espletamento della procedura pre-contenziosa della richiesta di rimozione al gestore della pagina internet precedentemente prevista all’art. 6 della prima bozza del Regolamento. L’attuale art. 5 precisa solamente “ferme restando le eventuali procedure autoregolamentate di notice and take down”.

Il vuoto lasciato nell’art. 6 dall’eliminazione della precedente disciplina del tentativo di rimozione pre-contenzioso prevista nella prima bozza del Regolamento è stato colmato dalla disciplina relativa all’istanza all’AGCM, precedentemente prevista dall’art. 7 e ora introdotta, rinnovata, nell’art. 6.

Nella nuova formulazione del Regolamento è stata eliminata la possibilità per l’AGCOM di richiedere ai prestatori di servizi informazioni necessarie per risalire al gestore della pagina internet, precedentemente prevista al secondo comma dell’art. 8, e al contempo introdotta la facoltà, per la Direzione dell’AGCOM, di chiedere informazioni utili all’istruttoria ai sensi dell’art. 1, comma 30, L. 249/1997.

Il nuovo testo, inoltre, aumenta da tre a cinque giorni il termine concesso a prestatori di servizi, uploaders e gestori della pagina e del sito internet per sottoporre all’AGCOM controdeduzioni relative alla violazione contestata.

Completamente riformulato l’articolo relativo ai provvedimenti a tutela del diritto d’autore (oggi all’art. 8 del Regolamento), che ora prevede che i prestatori di servizi destinatari di una comunicazione di avvio di procedimento non solo pongano fine ma anche impediscano la violazione contestata. L’art. 8 precisa ora che, nel caso in cui il sito su cui sono rese disponibili opere digitali in violazione del diritto d’autore risieda su server italiano, l’organo collegiale dell’AGCOM possa ordinare ai fornitori di servizi di hosting di rimuovere le opere oggetto di contestazione oppure, in caso di violazioni “massive”, di disabilitare l’accesso alle suddette opere (art. 8 c. 3 del Regolamento). Nel caso di server ubicati all’estero, l’organo collegiale dell’AGCOM può ordinare ai providers che svolgono attività di mere conduit (cfr. art. 14 d.lgs. 70/2003) di disabilitare l’accesso al sito. Nella nuova formulazione del testo, inoltre, l’ordine di reindirizzamento da parte dell’AGCOM ai providers come conseguenza dei provvedimenti appena ricordati non è più facoltativo ma sistematico. Infine, il termine massimo per provvedere concesso dal Regolamento all’AGCOM è sceso ora da 45 a 35 giorni dalla ricezione dell’istanza (art. 8 c.6).

Nell’ambito del procedimento abbreviato (previsto per violazioni gravi e di carattere massivo, art. 9 del Regolamento) sono stati aumentati i termini per dare riscontro alle richieste dell’AGCOM (tre giorni nella nuova formulazione), per l’emissione dei provvedimenti dell’organo collegiale dell’Autorità (da 10 a 12 giorni) e per l’ottemperanza agli ordini di questa (da 1 a 2 giorni) e sono state meglio definite le ipotesi di reiterazione della violazione da valutarsi ai fini del procedimento.

Quanto alle disposizioni relative alla tutela del diritto d’autore sui servizi di media (artt. 10 e ss. Regolamento), il nuovo testo definisce con maggiore dettaglio le violazioni in relazione alla qualifica soggettiva di fornitore di servizi media “lineari” e “non lineari” (assente nella disciplina dell’istanza all’Autorità prevista dalla prima bozza del Regolamento) e accorcia da 10 a 7 giorni il termine entro il quale l’Autorità deve avviare i procedimenti per i quali non dispone l’archiviazione. Notevole l’abbreviazione dei termini per l’adozione dei provvedimenti, che scendono ora da 60 a 35 giorni.

Molte delle modifiche al testo del Regolamento derivano dai commenti della Commissione Europea che, letta la prima bozza, aveva espresso perplessità sull’estrema brevità dei termini di difesa e chiesto chiarimenti sulle definizioni di “opera digitale”, “uploader” e “gestore del sito” e sul perché non fosse “selettiva” anche la disabilitazione dell’accesso ai contenuti contestati (visto che la rimozione degli stessi è proprio “selettiva”). Tali osservazioni spiegano quindi buona parte delle modifiche al testo che ora pare avere strada spianata verso l’applicazione definitiva, salvo ricorsi al TAR dell’ultima ora, minacciati da più di un oppositore al Regolamento.

Luca Egitto

Esperto in proprietà intellettuale ed industriale, IT, privacy, diritto commerciale e societario in particolare nell’industria dell’intrattenimento, dello sport e del commercio elettronico.

Sito web: www.replegal.it/it/cerca-i-professionisti/150-luca-egitto.html
agostini
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
decarlo
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
depalma
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
egitto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
lodigiani1
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
morretta
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
perugini
Socio
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
rossotto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
sinelli-rolando
Socio
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
togliatto
Socio
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
bonomo
Collaboratore
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
brandoli
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
cataldi
Collaboratore
RomaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
giordano
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
giovine
Collaboratore
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
maggia
Collaboratore
TorinoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
mangili
Collaboratore
BergamoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
mosca
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
paesan
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
rappa
Collaboratore
MilanoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy