Stampa questa pagina

Separazione dei coniugi: è possibile accordarsi sulla frequentazione dell’animale domestico e sulle spese di mantenimento e di cura dello stesso

Secondo il Tribunale di Como, il decreto di omologa della separazione consensuale può recepire gli accordi tra i coniugi sulla suddivisione delle spese di mantenimento e cura del cane, nonché sull’affidamento e le condizioni di frequentazione dello stesso.

Le spese hanno un carattere economico meritevole di essere regolato al pari di qualunque altra spesa, mentre le “condizioni relative agli altri aspetti del rapporto con l’animale” sono, comunque, meritevoli di tutela in quanto di particolare interesse per i coniugi.

Nonostante quanto sopra, il Tribunale ha valutato negativamente l’utilizzo per il cane della terminologia usualmente adottata per l’affidamento dei figli minori, reputando che ciò sia addirittura una “caduta di stile sul piano culturale”!

Maria Grazia Passerini

Si occupa prevalentemente di diritto civile, in particolare, di diritto di famiglia e recupero crediti.

Sito web: www.replegal.it/it/professionisti/tutti-i-collaboratori/207-maria-grazia-passerini.html