Call Us +39 011 55.84.111

Le difformità edilizie che affliggono l’immobile non ostano alla commerciabilità del bene stesso

Con sentenza n. 8230 del 22 marzo 2019, le Sezioni unite civili della Corte di Cassazione hanno inteso risolvere il contrasto giurisprudenziale riguardante l'interpretazione della sanzione di nullità, prevista dalla L. n. 47/1985, artt. 17 e 40, e dal D.P.R. n. 380/2001, art. 46, e riferita agli atti tra vivi ad effetti reali, aventi ad oggetto beni immobili parzialmente difformi rispetto al titolo abilitativo.

In particolare, il contrasto atteneva alla possibilità di ravvisare, accanto a una nullità formale dell'atto di compravendita, dovuta alla mancata inclusione della dichiarazione, da parte dell'alienante, degli estremi del titolo urbanistico, reale e riferibile all'immobile, anche l'esistenza di una nullità sostanziale dell'atto medesimo a causa dell'irregolarità urbanistica della costruzione.

A soluzione del contrasto, le Sezioni unite hanno chiarito che le difformità edilizie che affliggono l’immobile non possono ritenersi ostative alla commerciabilità del bene stesso, non costituendo esse cause di invalidità dell’eventuale contratto di compravendita.

La nullità comminata dal D.P.R. n. 380/2001, art. 46, e dalla L. n. 47/1985, artt. 17 e 40, va ricondotta, infatti, nell'ambito dell'art. 1418, III comma, c.c., di cui costituisce una specifica declinazione, e deve qualificarsi come nullità “testuale”, volta quindi a sanzionare la mancata inclusione negli atti tra vivi ad effetti reali degli estremi del titolo abilitativo dell'immobile (titolo che deve esistere realmente e deve essere riferibile proprio a quel bene).

In presenza della predetta dichiarazione da parte dell'alienante, dunque, il contratto concluso sarà valido e ciò a prescindere dal profilo della conformità o meno dell'immobile rispetto al titolo abilitativo.

Gianluca Andreoletti

Laureato a pieni voti presso l’Università degli Studi di Milano, con tesi in diritto dell’Unione europea inerente ai rapporti tra il regolamento UEFA sul financial fair play e le norme comunitarie in materia di concorrenza. È iscritto al Registro dei Praticanti di Bergamo dall’aprile 2015 e svolge la propria attività prevalentemente nell’ambito del contenzioso civile. Collabora, inoltre, in ambito stragiudiziale in materia di diritto civile e societario.

Sito web: www.replegal.it/it/professionisti/cerca-i-professionisti/363-gianluca-andreoletti

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy