Call Us +39 011 55.84.111

Piero Magri

Piero Magri

Avvocato esperto in diritto penale dell’impresa, con esperienza nell’ambito dei reati aziendali, reati societari e fallimentari, reati contro la Pubblica Amministrazione nonché a tutela della reputazione.

Profilo: http://www.replegal.it/it/cerca-i-professionisti/138-piero-magri.html

Sicurezza sul lavoro e responsabilità dell’ente ex dlgs 231 : interesse e risparmio di costi

Il GIP di Vicenza ha emesso lo scorso 3 ottobre 2018 decreto di archiviazione nei confronti di un ente indagato ai sensi del Dlgs 231/01 per un infortunio sul lavoro occorso nel suo stabilimento ad un dipendente di una cooperativa terza per un problema di attrezzature sul lavoro di proprietà dell'ente.

La normativa antiriciclaggio e la clausola di non trasferibilità sull’assegno: sanzioni sproporzionate?

di Piero Magri e Benedetta Guastoni

 

Limiti e condizioni all’utilizzo di assegni bancari e postali ed assegni circolari

Il D.lgs. 231/07 prevede, fin dalla sua entrata in vigore, che i moduli di assegni bancari e postali debbano essere rilasciati dalle banche e da Poste Italiane S.p.a. già muniti della clausola di non trasferibilità (art. 49 comma 4 d.lgs. 231/07) e che solo su espressa richiesta del cliente, dietro pagamento di un’imposta di bollo, possano essere forniti carnet di assegni “in forma libera”.[1]

Con il D.L. 201/2011 è stata inserita la soglia di 1.000 euro, oltre alla quale, nel caso in cui l’assegno risulti privo della clausola di non trasferibilità, vengono comminate le sanzioni pecuniarie, notevolmente inasprite dal D.lgs. 90/2017, di recepimento della IV Direttiva Antiriciclaggio.

Nello specifico, dall’entrata in vigore del Decreto, quindi dal 4 luglio 2017, per il trasferimento di assegni privi della clausola di non trasferibilità e/o dell’indicazione del beneficiario, è stabilita una sanzione pecuniaria amministrativa di importo compreso tra i 3.000 e i 50.000 euro.

Si tratta di una disciplina ben più severa della precedente che, ricordiamo, calcolava l’ammontare della sanzione sulla base dell’importo trasferito con l’assegno, all’interno di un range compreso tra l’1 e il 40 per cento dello stesso.

La ratio della norma è chiara: la mancata apposizione del nome del beneficiario o della clausola di non trasferibilità non assicurano la piena tracciabilità della transazione, con il conseguente sospetto che la stessa sia stata disposta per finalità di riciclaggio del denaro.

I soggetti destinatari

Grazie ad una norma interpretativa - inserita nel corpo dell’art. 27 del D.lgs. 141/2010 (comma 1 ter primo periodo) dall’art. 18 comma 2 del D.lgs. 169/2012 - si ritiene che costituiscano violazione l’emissione, il trasferimento e la presentazione all’incasso di assegni privi della clausola di non trasferibilità o del nome o della ragione sociale del beneficiario.

I soggetti obbligati, quindi tutti i soggetti indicati all’art. 3 del D.lgs. 231/07, devono inviare entro trenta giorni una comunicazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze dando atto dell’infrazione o dell’irregolarità riscontrata (art. 51 D.lgs. 231/07).

Il procedimento sanzionatorio e l’oblazione

A seguito della segnalazione inviata da parte del soggetto obbligato, ad esempio da parte dell’istituto bancario presso il quale è stato versato l’assegno, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, invia una formale contestazione dell’infrazione al responsabile.

A questo punto, per colui che riceve la contestazione, si aprono due strade: il pagamento dell’oblazione, con conseguente immediata chiusura del procedimento, o l’inizio di un procedimento amministrativo, che si concluderà con l’emissione di un decreto da parte del MEF.

La prima strada è molto semplice e quasi automatica.

L’art. 65 comma 9 del D.lgs. 231/2007 conferma l’applicabilità, alla violazione in questione, del pagamento in forma ridotta e quindi dell’oblazione, di cui all’art. 16 della Legge 689/1981.

Pertanto, viene inserita all’interno della contestazione l’indicazione dell’ammontare dell’importo dell’oblazione che consente di estinguere la sanzione mediante il pagamento della stessa entro sessanta giorni dalla notifica.

L’importo viene calcolato sulla base del maggior vantaggio per il soggetto incolpato e può quindi alternativamente essere pari ad un terzo del massimo della sanzione, oppure al doppio del minimo, oltre le spese del procedimento.

Ciò tuttavia a condizione che la violazione non riguardi un importo superiore a 250.000 euro e che il soggetto non si sia già avvalso della medesima facoltà per analoga violazione, il cui atto di contestazione sia stato ricevuto nei 365 giorni precedenti alla notifica.

In presenza dei presupposti sopra richiamati, sarà dunque sufficiente procedere al pagamento dell’importo ridotto per concludere la procedura.

Nel caso in cui invece si decida di non aderire all’oblazione, è possibile inviare deduzioni difensive entro trenta giorni dalla notifica della contestazione.

Si attiverà a questo punto un procedimento amministrativo nel corso del quale è prevista la facoltà di chiedere l’audizione personale, di produrre documenti ed inviare osservazioni alla Ragioneria Territoriale dello Stato e quindi, sostanzialmente di dimostrare la propria buona fede, fornendo valide giustificazioni a quanto accaduto.

L’iter amministrativo potrà concludersi, laddove ne ricorrano gli estremi, con un provvedimento di proscioglimento totale o con l’irrogazione di una sanzione inferiore all’importo dell’oblazione, ma anche, in caso negativo, con una sanzione molto più elevata - sempre entro il limite di 50.000 euro stabilito dalla disciplina.

Va inoltre tenuto presente che, nel caso in cui al termine del procedimento venga irrogata una sanzione, permane la possibilità di chiedere la riduzione di un terzo.

Ne deriva che la sanzione minima concretamente applicabile, è pari ad € 2.000, cifra in molti casi inferiore a quella calcolata per l’oblazione.

Avverso il decreto emesso dal MEF potrà inoltre essere proposto ricorso, anche personalmente, al Tribunale del luogo di commissione della violazione, entro trenta giorni dalla notifica.

Le critiche e le raccomandazioni

I casi recentemente messi in luce dalla cronaca hanno evidenziato che nella maggioranza delle ipotesi, più che di tentativi di riciclare denaro si tratta di mere disattenzioni commesse in buona fede da cittadini ancora in possesso di assegni emessi in epoca antecedente al 2008.

Per questo motivo, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, in linea con le osservazioni contenute nel parere della Commissione Finanze, sta valutando la possibilità di modificare l’apparato sanzionatorio riconducendolo ad un regime maggiormente ispirato a ragionevolezza e proporzionalità tra l'importo trasferito e la sanzione.

Dall’indagine condotta dal MEF per analizzare la consistenza del fenomeno è emerso che, a fronte di circa 1700 assegni contestati, nessuna sanzione è ancora irrogata ai sensi della nuova normativa e gli incolpati hanno scelto in poco più di cento casi, di pagare l’oblazione.

Appare quindi possibile, che la normativa attualmente in vigore venga nuovamente modificata, con un ritorno alla precedente sanzione compresa tra l’1 e il 40 per cento dell’importo trasferito o con una riduzione dei limiti edittali e quindi dell’importo minimo di 3.000 euro e dell’importo massimo, pari a 50.000 euro.

Merita inoltre di essere considerato che si è ancora in attesa delle indicazioni del MEF circa i criteri generali per la valutazione dei cosiddetti comportamenti “sospetti”, dai quali sia possibile dedurre o ipotizzare che la transazione abbia finalità di riciclaggio e dei decreti ministeriali che consentiranno di comprendere i parametri per la quantificazione delle sanzioni concretamente irrogabili.


Nota

[1] Chiunque invece possegga libretti di assegni antecedenti al 2008, avrà l’onere di indicare per iscritto, all’atto di emissione dell’assegno, la dicitura “non trasferibile” ed il nominativo del beneficiario.

 


 

Licenziamenti e mobbing con rilevanza penale

Con sentenza depositata il 23 febbraio 2018 il Tribunale di Busto Arsizio ha ritenuto non sussistente il reato di lesione colpose, pur in presenza di una malattia psichica accertata (sindrome ansiosa depressiva) e nonostante tre licenziamenti ritenuti illegittimi. Ciò in quanto il mobbing può avere rilevanza penale solo laddove siano provate reiterate vessazioni e denigrazioni nei confronti del lavoratore che abbiano un nesso eziologico con la malattia riscontrata. Nel caso di specie non solo non sono state provate tali condotte ma non è emerso neppure alcun intento persecutorio da parte del datore di lavoro.

Ingiusta detenzione e risarcimento del danno

Nel 2017 sono stati sempre di più i casi di ingiusta detenzione, cittadini che sono sottoposti a misura cautelare in carcere e che poi vengono assolti o scagionati con una archiviazione. Da 989 casi nel 2016 si è passati a 1013 casi lo scorso anno.

La procedura permette di chiedere un indennizzo allo Stato per i danni subiti che sono stabiliti in misura forfettaria per i giorni di carcere o di detenzione domiciliare (rispettivamente euro 235,82 e 177,91 ) presentando alla Corte di Appello competente una istanza di riparazione per l’ingiusta detenzione ai sensi degli articoli 314 e 315 c.p.p. La somma può essere integrata per altri voci di danno (esistenziali o alla salute) ma non può superare l’importo di 516.456 euro.   

Link alla fonte

Infortuni sul lavoro con condotta anomala, ma non abnorme del lavoratore

Il Tribunale di Bergamo, con sentenza depositata l’11 dicembre 2017, ha ritenuto sussistente la responsabilità del datore di lavoro delegato, pur in presenza di una condotta anomala e pericolosa del lavoratore, evidenziando che il macchinario ove è avvenuto l’infortunio, ancorchè perfettamente funzionante, non fosse sicuro. Affinchè la condotta colposa del lavoratore possa escludere il nesso di causalità tra la condotta del lavoratore e l’evento lesivo, è necessario non tanto che essa sia imprevedibile, quanto che sia tale da attivare un rischio esorbitante dalla sfera di rischio governata dal soggetto titolare della posizione di garanzia.  Del resto le disposizioni antinfortunistiche perseguono il fine di tutelare il lavoratore anche dagli infortuni derivanti da sua colpa (tra le ultime pronunce Cass, sex. IV, del 13.12.2016, CED 269603 e Cass. 17.1.2017 CED 269255).

Infortuni sul lavoro e responsabilità del datore di lavoro in caso di negligenza dell’infortunato

In una pregevole sentenza depositata il 3 novembre 2011, il Tribunale di Ivrea ha assolto l’imputato datore di lavoro, ritenendo che la negligente condotta dell’infortunato non esclude di per sé la responsabilità, ma per l’accertamento della stessa nelle strutture aziendali complesse occorre verificare chi sia il soggetto espressamente ed in concreto deputato alla gestione del rischio. In particolare occorre distinguere la responsabilità del preposto (che riguarda il controllo sulla esecuzione della prestazione) da quella del dirigente (inerente all’organizzazione dell’attività lavorativa) da quella del datore di lavoro (riferibile solo alle scelte gestionali di fondo)  (Cass. 22606 del 4.4.2017).  Pertanto, quando vi sono distinte unità produttive con a capo preposti, incaricati e formati, spetta a loro la responsabilità per il controllo dell’osservanza delle modalità esecutive dei lavoro.

Perché adottare un Sistema di Gestione Anticorruzione: i vantaggi della norma UNI ISO 37001

Premessa

In molti Paesi e, soprattutto, in alcuni settori, la corruzione rappresenta un fenomeno assai diffuso che può incidere negativamente sulla continuità dell’attività di un’azienda.

Si pensi ai danni reputazionali, o alla perdita del valore del capitale o, ancora, alla diminuzione delle commesse che un’azienda può subire in conseguenza della commissione di fatti di corruzione, e talvolta anche prima del loro accertamento giudiziale.

In questo contesto, nell’ottobre del 2016, è stata pubblicata la norma UNI ISO 37001 che si pone l’obiettivo di fornire alle organizzazioni, e alle imprese in generale, uno strumento riconosciuto a livello globale, e certificabile, di prevenzione dei fenomeni corruttivi.

Negli ultimi mesi del 2017, dopo un primo periodo di studio e osservazione, la normativa ha avuto una sempre più crescente applicazione sia nell’ambito dei bandi pubblici che, in generale, nelle richieste avanzate da parte di enti pubblici o economici.

La norma, corredata da una appendice pratica, rappresenta una Linea Guida che può essere applicata a tutte le organizzazioni, siano esse pubbliche o private, e a prescindere dalle dimensioni e dalla tipologia dell’attività svolta.

In questo modo la norma contribuisce, indirettamente, alla diffusione, all’interno e all’esterno delle organizzazioni, di una cultura etica di prevenzione e contrasto dei fenomeni corruttivi.

 

I vantaggi derivanti dalla adozione di un sistema di gestione anticorruzione

Innanzitutto, la norma ISO 37001 rappresenta uno standard internazionale e, come tale, utilizza un linguaggio applicabile a qualunque organizzazione, a prescindere dal settore di appartenenza e dalla natura dell’attività svolta.

In secondo luogo, il linguaggio della norma è di tipo tecnico e, pertanto, coerente con quello utilizzato da altri sistemi di gestione (es. ISO 9001). Ciò facilita l’integrazione tra il sistema di gestione anticorruzione e gli altri sistemi di gestione adottati dall’organizzazione, evitando conseguentemente inutili appesantimenti nella struttura organizzativa.

Inoltre, la norma consente di rafforzare i protocolli di controllo già esistenti, inclusi i sistemi c.d. di whistleblowing previsti all’interno dei Modelli Organizzativi o dei Piani Triennali di Prevenzione della Corruzione e i meccanismi di due diligence di terze parti basati su un’analisi accurata della struttura societaria, oltre che su indagini di tipo reputazionale.

Nondimeno, la certificazione del sistema UNI ISO 37001 garantisce un più facile accesso ai bandi indetti dalla Pubblica Amministrazione e alla procedura “c.d. di self cleaning”, che rappresenta per le imprese condannate per fatti di corruzione un importante meccanismo di riabilitazione.

Tali benefici derivano anche dalla circostanza per cui la certificazione viene rilasciata da organismi terzi e indipendenti a ciò autorizzati i quali attestano, tramite certificazione scritta, che una determinata organizzazione è conforme ai requisiti tecnici specificati dalla norma.

Si badi che la certificazione ha una validità temporanea e, pertanto, l’organizzazione deve essere periodicamente sottoposta a nuovo esame per verificare la tenuta nel tempo dei requisiti richiesti dallo standard.

Ciò, naturalmente, garantisce un controllo e un riesame periodico del sistema di gestione adottato dalla singola organizzazione.

 

I vantaggi processuali

Il fatto che il sistema di gestione abbia ottenuto la certificazione da parte di un ente terzo accreditato non vale di per sé a garantire una valida ed efficace difesa dell’ente nell’ambito di eventuali procedimenti giudiziari a suo carico per reati presupposto ex D. Lgs. 231/2001.

Tuttavia, l’ente indagato o imputato può dimostrare che, attraverso la adozione di un sistema certificato, ha fatto il possibile per prevenire la commissione di reati di corruzione e, di conseguenza, può fornire prova dell’assenza di una colpa organizzativa o chiedere l’applicazione di un trattamento sanzionatorio meno afflittivo.

 

Le misure anticorruzione previste dallo standard

Ispirandosi alle buone pratiche internazionali, la norma ISO 37001 descrive le misure che una organizzazione deve adottare al fine di prevenire i fenomeni corruttivi nella propria organizzazione.

In particolare, la norma prevede:

  • la predisposizione di una politica anticorruzione
  • l’individuazione di un responsabile della compliance anticorruzione
  • l’attività formativa e continua di tutti gli interessati
  • la valutazione dei rischi specifici
  • la adozione di procedure specifiche (es. in tema di selezione del personale e due diligence terze parti)
  • attività di reporting periodico
  • controlli finanziari
  • azioni correttive e miglioramento continuo del sistema.

In tale ottica, la ISO 37001 presenta notevoli analogie anche con il D. Lgs. 231/2001, condividendone in parte l’approccio metodologico e i contenuti.

Per questa ragione, le imprese che abbiano già adottato ed efficacemente attuato un Modello Organizzativo adeguato, potrebbero ottenere, in tempi più rapidi e con minori sforzi organizzativi, la certificazione ISO 37001, e fruire di conseguenza dei vantaggi economici e organizzativi derivanti dalla aderenza alla norma standard.

 

Critiche

Naturalmente non sono mancate anche interpretazioni critiche nei confronti del sistema di gestione anticorruzione. Invero, da un lato vi è stato chi ha sottolineato che non è prevista alcuna presunzione di idoneità dei sistemi di gestione conformi allo standard internazionale, né tantomeno esso ha efficacia esimente.

Altri, hanno sottolineato come i principi enunciati dalla norma non rappresentino alcuna novità ma costituiscano, invece, la mera riproduzione di principi già enunciati in altre norme (FCPA, Bribery Act).

 

Conclusioni

Alla luce di quanto sopra evidenziato emerge ancora una volta come per prevenire la commissione dei fenomeni corruttivi, al di là della adozione di sistemi di gestione certificabili, è necessario che si affermi progressivamente una nuova cultura della legalità che ben può essere compatibile con gli obiettivi di efficienza e profitto perseguiti dalle imprese.

 

Avv. Piero Magri e Avv. Letizia Catalano

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy