Call Us +39 011 55.84.111

In caso di condanna per omicidio e lesioni stradali, la revoca della patente è automatica?

La Corte di Cassazione, con sentenza depositata il 9 dicembre 2019, ha annullato la sentenza impugnata limitatamente all’applicazione della sanzione amministrativa della revoca della patente, deducendone l’illegittimità sulla base di quanto dichiarato dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 88 del 20 febbraio 2019.

La Consulta ha infatti dichiarato incostituzionale l’art. 222, comma 2, cod. strada, determinandone la cessazione di efficacia nell’ordinamento, nel tratto in cui prevedeva che, in tutti i casi di condanna per omicidio e lesioni stradali, la revoca della patente fosse automatica. È stata invece ritenuta legittima nelle sole circostanze aggravanti di condanna per reati stradali commessi in stato di ebbrezza o di alterazione psicofisica per l’assunzione di droghe.

Read more...

Ecografista responsabile per non aver rilevato la malformazione facciale del feto

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 30727/2019, ha ribaltato le sentenze del Tribunale di Cassino e della Corte d'Appello di Roma secondo le quali non poteva trovare accoglimento la richiesta di risarcimento danni avanzata da due genitori verso il medico che non aveva diagnosticato una grave malformazione del feto durante l'esame ecografico.

Secondo i ricorrenti, la malformazione da cui era affetto il figlio, configurante manifestazione di una sindrome facio-auricolo-vertebrale, connotata da marcata asimmetria facciale, nonché dalla completa assenza del padiglione auricolare destro, aveva provocato un trauma psichico ai genitori, in quanto non attesa, nonché problemi psicologici all’altro figlio, oltre ad aver determinato la perdita di un’occasione lavorativa importante per uno dei due genitori.

Read more...

Punibilità esclusa per i delitti di dichiarazione fraudolenta, ma solo nel caso di regolarizzazione “spontanea”

Le ultime modifiche apportate all’art. 39 D.L. 124/2019 (c.d. Decreto Fiscale) con la Legge di Conversione in discussione al Senato in questi giorni, estendono la causa di non punibilità già prevista per i delitti di omessa e infedele dichiarazione dall’art. 13 co. 2, D.Lgs. 74/2000 anche ai reati di dichiarazione fraudolenta meditante utilizzo di fatture false oppure mediante altri artifici (artt. 2 e 3). Per tutti i reati citati, tuttavia, tale causa di non punibilità è circoscritta alle regolarizzazioni “spontanee”, cioè realizzate prima della conoscenza, in capo all’autore del reato, di accessi o verifiche o accertamenti amministrativi ovvero di procedimenti penali.

Read more...

La Cassazione si pronuncia in tema di efficacia della costituzione del pegno su quote di s.r.l.

Ai fini dell'efficacia del trasferimento nei confronti della società, “la formalità rilevante è la vera e propria iscrizione nel registro delle imprese, non il mero deposito dell'atto di trasferimento": formalità che si pone dunque come criterio generale di efficacia (e opponibilità) delle vicende (in senso ampio) circolatorie delle quote di s.r.l.. Questo il contenuto della recentissima decisione della Cassazione, sez. I, 27/11/2019, n.31051 in materia di costituzione del pegno su quote di s.r.l.

Read more...

Il Tribunale di Roma consolida l’orientamento sugli hosting provider attivi

In applicazione dei principi di diritto in punto di responsabilità degli hosting provider formulati nella pronuncia di legittimità n. 7708 del 19/03/2019, il Tribunale di Roma (sez. spec., 02/10/2019) ha recentemente accertato la responsabilità della piattaforma “Vid.me” quale hosting provider attivo per aver reso accessibile numerosi brani audiovisivi estratti dai programmi RTI.

Dopo aver ricostruito a livello sistematico i profili principali dei c.d. “servizi della società dell’informazione” – identificando i servizi di mere conduit, chaching e hosting – il Collegio ha ribadito che tra gli indici di interferenza idonei a delineare la figura dell’hosting provider attivo figurano “lo svolgimento di attività di filtro, selezione, indicizzazione, organizzazione, catalogazione, aggregazione, valutazione, uso, modifica, estrazione o promozione dei contenuti, operate mediante una gestione imprenditoriale del servizio, come pure l’adozione di una tecnica di valutazione comportamentale degli utenti per aumentarne la fidelizzazione: condotte che abbiano, in sostanza, l’effetto di completare ed arricchire in modo non passivo la fruizione dei contenuti da parte di utenti indeterminati”.

Read more...

Sperimentazione clinica e riutilizzo dei dati

Domani, 11 dicembre 2019, l’avvocato Chiara Agostini terra’ presso Fondazione per la ricerca dell’Ospedale di Bergamo, un convegno in tema di Sperimentazione Clinica e riutilizzo dei dati. Il convegno si pone come obbiettivo quello di interpretare e armonizzare il Regolamento UE sulla Sperimentazione Clinica 536/2014 (Clinical Trial Regulation o CTR), con il Regolamento UE 679/2016 in materia di protezione dei dati personali (General Data Protection Regulation).

Read more...

Delibazione della sentenza di annullamento del matrimonio: non rileva la vita da ‘separati in casa’

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 30900/2019, ha rigettato il ricorso di un marito che ha richiesto la delibazione della sentenza ecclesiastica di annullamento del matrimonio.

Già la Corte d’Appello di Perugia, richiamando i principi espressi dalle Sezioni Unite con la sentenza n. 16379/2014, aveva respinto la domanda dell’uomo sul presupposto della stabile convivenza tra i coniugi, protrattasi per oltre tre anni dalla data del matrimonio, precisamente dal 17.9.2011.

Il marito aveva ritenuto con condivisibile la posizione della Corte d’Appello, tenuto conto che già a partire dal 2012 aveva intrapreso una relazione extraconiugale e che già dal mese di dicembre 2011 aveva instaurato una relazione con la moglie da ‘separati in casa’.

Read more...

Omesso mantenimento dei figli: condannato il padre anche se il tenore di vita è peggiorato

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 48567/2019, ha dichiarato inammissibile il ricorso di un padre, condannato dalla Corte d’Appello di Catanzaro alla pena di mesi due di reclusione ed euro duecento di multa per il reato di cui all’art. 570 c.p. ‘Violazione degli obblighi di assistenza familiare’.

L’uomo aveva fatto mancare alla figlia minore i mezzi di sussistenza, omettendo di versare, a partire dall’anno 2011, il contributo al mantenimento stabilito in euro 500,00 mensili. Secondo quanto dedotto dal padre, tale circostanza era stata causata da una flessione degli introiti economici, tenuto conto che nel 1996 rivestiva il ruolo di curatore fallimentare presso il Tribunale di Roma, ma che nel 2012 aveva subito una sensibile riduzione del lavoro, circostanza che lo aveva costretto ad un tenore di vita nettamente inferiore a quello originario. Anche la successiva occupazione presso il Ministero dello Sviluppo Economico sarebbe stata scarsamente retribuita e, infine, nel 2013 era stato vittima di un incidente stradale.

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Torino
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milano
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Roma
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy

Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bologna
R&P Legal
Via D’Azeglio, 19
40123, Bologna - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy