Call Us +39 011 55.84.111

La semplice consegna di programmi radiotelevisivi a emittenti che poi li diffondono secondo la Corte di Giustizia non è atto di comunicazione al pubblico

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha esaminato la nozione di atto di comunicazione al pubblico per stabilire se un soggetto che consegni programmi mediante tecnica di “immissione diretta”, utilizzando cioè una linea privata punto a punto che non rende possibile la visione del programma al pubblico generico, sia obbligato al versamento di un equo compenso agli autori in relazione a detti programmi. La decisione, adottata con sentenza del 19 novembre 2015 (causa C 325/14) stabilisce che non effettua comunicazione al pubblico chi, anche se emittente televisiva, utilizza tale tecnica di “immissione diretta” unicamente per consegnare tali programmi ai propri clienti che li distribuiranno poi agli abbonati (via satellite, via cavo o linea xDSL) e sui quali graverà l’obbligo di corrispondere l’equo compenso agli autori.

Link alla fonte

Angela Cataldi

Specializzata in proprietà intellettuale e industriale, societario e contrattualistica.

Website: www.replegal.it/it/cerca-i-professionisti/352-angela-cataldi.html

Turin
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milan
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Rome
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy