Call Us +39 011 55.84.111

La responsabilità dell’appaltatore per rovina e difetti degli immobili non è limitata ai difetti di costruzione del bene principale ma riguarda ogni alterazione che possa intaccare il normale utilizzo dell’opera

La Corte di Cassazione, II sezione civile, con la sentenza n. 1208 del 18.1.2017, ha stabilito che, nell’ambito del contratto di appalto privato, il costruttore/venditore è tenuto a risarcire i danni per mancato utilizzo del bene o ad eseguire le opere necessarie a renderlo pianamente accessibile se la rampa di accesso al box è impraticabile perché troppo pendente.

Ciò in quanto l’operatività della garanzia ex art. 1669 c.c. a carico dell’appaltatore non è limitata a difetti inerenti unicamente la costruzione del bene principale, come gli appartamenti, ma ricomprende ogni deficienza e/o alterazione che possa intaccare in modo significativo sia la funzionalità dell’opera che la sua utilizzazione.

Read more...

I contatti via skype o via cellulare non sono idonei a surrogare le visite del genitore assente

Secondo la Suprema Corte, la distanza fisica tra la madre (trasferitasi in Thailandia) e il figlio minore (residente a Udine col padre) unita all’assenza della madre in Italia persino ai tre incontri minimi previsti dal consulente tecnico, sono ragioni idonee a disporre l’affidamento esclusivo del figlio al padre. La generale regola dell’affidamento condiviso, infatti, è derogabile ove la sua applicazione risulti pregiudizievole per l’interesse del minore: ciò è esattamente quanto si verifica nel caso di esercizio discontinuo del diritto di visita oppure laddove le modalità di comunicazione tra genitore e figlio non possano considerarsi idonee a sostituire le visite del genitore, come nel caso di chiamate via skype o via cellulare. La sentenza è occasione anche per ricordare il principio secondo il quale l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà coniugale rappresenta una violazione particolarmente grave, tale da determinare l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza e da giustificare l’addebito della separazione.

Read more...

Infalcidiabilità dell’Iva applicabile soltanto nel concordato con transazione fiscale

La Cassazione a sezioni unite, con la sentenza n. 26988 del 27 dicembre 2016, componendo un contrasto interpretativo, ha stabilito, allineandosi alla pronuncia della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 7 aprile 2016, che la previsione dell’infalcidiabilità del credito IVA è applicabile soltanto alla proposta di concordato accompagnata dalla transazione fiscale di cui all’art. 182 ter L.F., non essendo infatti possibile estendere alla disciplina generale del concordato preventivo la norma speciale relativa alla transazione fiscale, che prevede uno specifico accordo con il fisco in aggiunta alla tradizionale proposta concordataria.

Read more...

Ricorso straordinario per cassazione e provvedimento di omologa dell’accordo di ristrutturazione dei debiti

La Cassazione a sezioni unite, con la sentenza n. 26989 del 27 dicembre 2016, ha stabilito che il decreto della corte d’appello che decide sul reclamo proposto avverso il provvedimento che si pronuncia (in maniera positiva o negativa) in merito all’omologazione dell’accordo di ristrutturazione dei debiti è soggetto al ricorso straordinario per cassazione, in ragione del carattere decisorio di tale decreto e non essendo previsti altri mezzi di impugnazione.

Read more...

Nuovo regolamento europeo in tema di privacy

Martedì 31 Gennaio 2017 alle ore 15.00 / 19.00, presso la Fondazione Fulvio Croce in Via Santa Maria n. 1 a Torino, R&P Legal organizza un evento formativo riguardante il nuovo regolamento europeo in tema di privacy. Per informazioni scrivere a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

Programma

•    Dall’evoluzione della normativa a livello europeo alla nascita del Regolamento
•    Campo di applicazione
•    Privacy by design e privacy by default
•    Le principali novità introdotte dal Regolamento
•    Le nuove figure del Joint Controller e Data Privacy Officer
•    I nuovi diritti attribuiti agli interessati: l’introduzione del diritto all’oblio e del diritto alla portabilità dei dati
•    Informativa privacy e consenso
•    Il sistema sanzionatorio
•    Il trasferimento dei dati personali verso paesi Extra-UE: i principi generali ed il nuovo accordo “EU-US Privacy Shield”
•    Data Breach, cyber security e profili penalistici
•    Internet of Things e prospettive future

Contenuto del corso

L'evento affronterà gli aspetti principali del Regolamento Europeo in materia di privacy e le maggiori novità che lo stesso ha apportato alla disciplina in materia di protezione dei dati personali.
Dopo una breve descrizione dell'excursus normativo che ha portato all'emanazione del Regolamento, i relatori descriveranno i principi cardine di tale disciplina, effettuando una analisi comparativa con la normativa attualmente in vigore.
I focus, in particolare, riguarderanno il campo di applicazione del Regolamento, incentrato sul luogo ove si trovano gli interessati e non più esclusivamente sul principio di stabilimento del titolare, l'introduzione dei principi di privacy by design e privacy by default, i nuovi diritti attribuiti agli interessati (il diritto all'oblio e il diritto alla portabilità dei dati) e la nuova disciplina in termini di informativa e richiesta del consenso.
Un approfondimento sarà rivolto alle nuove figure del Joint Controller e Data Privacy Officer.
L'evento si occuperà, inoltre, della disciplina relativa al trasferimento dei dati verso Paesi Extra-UE, approfondendo nello specifico il nuovo accordo tra Europa e Stati Uniti sul trasferimento dei dati personali (c.d. "EU-US Privacy Shield").
Si esamineranno, poi, gli aspetti legati al data breach ed alla cyber security, con un focus particolare sui relativi profili penalistici.
Infine, si analizzeranno le principali questioni giuridiche connesse all’Internet of Things interessate dal regolamento e le sfide in tema di privacy connesse a tale fenomeno.
I temi trattati coprono tutti gli aspetti relativi alla tutela dei dati personali, con riferimento agli aspetti di natura civilistica e penalistica.

Relatori : Avv. Chiara Rossana Agostini, Avv. Luca Egitto, Avv. Giuseppe Vaciago

L’evento è stato accreditato presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Torino in ragione di nr. 3 crediti formativi.  

Read more...

Bando del MiSE per la concessione di agevolazioni alle PMI per la valorizzazione di marchi storici

Con avviso pubblicato in G.U. del 29/12/2016, il Ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato lo stanziamento di 4,5 milioni di Euro per le attività di valorizzazione dei c.d. marchi storici, la cui prima domanda di deposito sia antecedente al 01/01/1967. Tale intervento si pone l’obiettivo di sviluppare e rilanciare i marchi che rappresentano storia e cultura d’impresa italiana, attraverso la concessione di agevolazioni – in forma di contributo in conto capitale – a micro, piccole e medie imprese.

Oggetto dell’agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un marchio in corso di validità, in relazione al quale l’impresa titolare o licenziataria esclusiva potrà richiedere un’agevolazione per le spese sostenute, successivamente al 29/12/2016, per l’acquisto di servizi specialistici esterni e di beni strumentali ad uso produttivo. Il MiSE ha suddiviso le spese ammissibili in una prima fase, obbligatoria, nella quale rientrano quelle sostenute per l’acquisto di macchinari nonché per la consulenza finalizzata all’ammodernamento della catena produttiva ed al miglioramento nell’approccio al mercato; ed una seconda fase, facoltativa, nella quale rientrano le spese di consulenza sostenute per il rafforzamento del marchio, la tutela da azioni di contraffazione e l’estensione della registrazione a livello comunitario, internazionale o in ulteriori classi di prodotti e servizi.

Ciascuna impresa potrà presentare più richieste di agevolazione, in misura pari all’80% delle spese ammissibili, riferite a diversi marchi, ognuna fino al valore massimo di 80.000 Euro, per un importo complessivo per ogni impresa pari a 120.000 Euro.

La procedura funzionerà a sportello, seguendo l’ordine cronologico delle domande di agevolazione pervenute dalle imprese richiedenti, fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Le domande potranno essere presentate esclusivamente online, prima compilando il form reso disponibile sul sito internet www.marchistorici.it e successivamente inviando i necessari documenti a mezzo PEC, a partire dalle ore 09:00 del 04/04/2017.

La versione integrale del bando e la relativa documentazione sono disponibili sul sito dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

Read more...

Contributi a fondo perduto della Regione Lombardia

Il 10 gennaio la Regione Lombardia ha pubblicato il bando per la selezione di PMI e Reti di imprese lombarde con progetti di internazionalizzazione, al fine di elargire contributi a fondo perduto stanziati per le necessarie spese di consulenza e supporto. Alle imprese vincitrici, che intenderanno usufruire dei servizi offerti dal team costituito all’interno del nostro Studio, sarà assegnato un buono di € 8.000 a fronte di una spesa minima di € 13.000.

I destinatari del bando e dunque i soggetti ammissibili più precisamente sono:

  • le micro, piccole e medie Imprese (MPMI) registrate e attive con un fatturato minimo di € 500.000,00 in almeno uno degli ultimi tre esercizi approvati, gli Appartenenti a settori Ateco C, F (manifattura) e J62, J63, M71.11, M71.12.1, M71.12.2, M72, M74.10.1, M74.10.3 e M74.10.9 (servizi) e
  • le reti di imprese di almeno tre MPMI nella forma di reti soggetto con un fatturato cumulativo non inferiore a € 500.000,00 in almeno uno degli ultimi tre esercizi; nella forma di reti contratto con fatturato minimo di 500.000 € in almeno uno degli ultimi tre esercizi per ciascuna impresa.

Per quanto riguarda invece le tipologie di interventi ammissibili, essi riguardano la realizzazione di progetti di promozione dell’export delle MPMI e delle reti d’impresa per svilupparsi e consolidarsi nei mercati target attraverso l’adozione di modelli business. Il contributo a fondo perduto potrà essere utilizzato quindi per l’Acquisizione di servizi per la promozione dell’export erogati da Export Business Manager (tra cui il team costituito all’interno del nostro Studio) e per l’Acquisto di servizi di promozione e Partecipazione a fiere internazionali.

Per maggiori informazioni di seguito il link al sito della Regione Lombardia: Regione Lombardia :: Bando Export Business Manager - Imprese

Read more...

Chiarimento interpretativo sulla procedura di costituzione e modifica delle startup innovative

Con nota prot. 411501 del 22/12/2006, il MISE si è pronunciato in merito alle procedure di costituzione e di modifica statutaria delle startup innovative.

A seguito di una richiesta di chiarimento sollevata da un professionista, il MISE ha confermato che le startup innovative in forma di s.r.l. si possono costituire o modificare con le seguenti procedure: 1) con atto pubblico notarile; 2) con scrittura privata con apposta la firma digitale; 3) con scrittura privata elettronica a firma digitale autenticata dal notaio. Tale chiarimento ha ovviato ad un dubbio interpretativo del D.M. del 28 ottobre 2016.

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Turin  
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milan  
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Rome  
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio  
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta  
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo  
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy