Call Us +39 011 55.84.111

Diritto d'autore e diritti connessi: società dell’informazione

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA (Quarta Sezione) nella causa C466/12, 13 febbraio 2014 - Rinvio pregiudiziale – Ravvicinamento delle legislazioni – Diritto d’autore e diritti connessi – Direttiva 2001/29/CE – Società dell’informazione – Armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e dei diritti connessi – Articolo 3, paragrafo 1 – Comunicazione al pubblico – Nozione – Collegamenti Internet (hyperlink “collegamenti cliccabili”) tramite i quali si accede ad opere protette.

La Corte di Giustizia si pronuncia sugli hyperlinks e sulla loro rilevanza ai fini della tutela del diritto d’autore online, un tema di grande interesse ed attualità vista la crescente propensione di siti e utenti dei social network specializzati ad usare i propri profili come indicizzatori di notizie.

La questione deriva proprio dall’attività di indicizzazione di links diretti a testate giornalistiche online esercitata dalla società svedese Retriever Sverige, citata in giudizio dai redattori del giornale Göteborgs-Posten, pubblicato anche in versione online. Questi ultimi hanno lamentato infatti che l’utente del sito di Retriever Sverige che clicca su uno dei link offerti da quest’ultima non si accorge di essere ri-direzionato su un altro sito per accedere all’opera di proprio interesse e che pertanto l’indicizzazione dei link ai loro articoli costituirebbe illecito sfruttamento economico dei medesimi. La convenuta, dal canto suo, ha replicato sostenendo che tutti gli utenti hanno sempre saputo di essere trasferiti su altro sito dal momento in cui cliccavano sul link e che in ogni caso la mera indicazione del link non integra sfruttamento economico dell’articolo giornalistico.

La Corte d’Appello svedese, preliminarmente alla disamina dell’impugnazione da parte dei giornalisti delle sentenza di primo grado (che aveva respinto la loro domanda di accertamento della violazione del diritto d’autore e di risarcimento del danno), ha sottoposto alla CGE le seguenti questioni pregiudiziali:

«1)       Se il fatto che un soggetto diverso dal titolare del diritto d’autore su una determinata opera fornisca un collegamento cliccabile alla stessa sul proprio sito Internet si configuri come comunicazione al pubblico dell’opera ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1, della [direttiva 2001/29].

2)         Se sia rilevante, ai fini della soluzione della prima questione, il fatto che l’opera alla quale rimanda il collegamento si trovi su un sito Internet accessibile a chiunque senza limitazioni oppure che l’accesso sia in qualche modo limitato.

3)    Se, ai fini della soluzione della prima questione, si debba distinguere il caso in cui l’opera, dopo che l’utente abbia cliccato il collegamento, sia presentata su un altro sito Internet da quello in cui l’opera sia presentata con modalità tali da offrire al cliente l’impressione di restare nello stesso sito Internet.

4)         Se uno Stato membro possa stabilire una maggiore tutela del diritto esclusivo dell’autore includendo nella nozione di comunicazione al pubblico più forme di messa a disposizione di quante stabilite all’articolo 3, paragrafo 1, della direttiva 2001/29».

La CGE ha esaminato congiuntamente i primi tre quesiti, stante la loro evidente interconnessione, procedendo a qualificare l’atto di “comunicazione dell’opera” e di “pubblico” ai sensi dell’art. 3, par. 1 della Dir. 2001/29 al fine di determinare se la pubblicazione di links diretti a testate online potesse essere qualificata come comunicazione al pubblico delle opere residenti sui siti a cui puntano tali links.

Per la Corte, affinché vi sia “atto di comunicazione”, è sufficiente che l’opera sia messa a disposizione del pubblico in modo che coloro che compongono tale pubblico possano avervi accesso, senza che sia determinante che utilizzino o meno tale possibilità, concludendo che, in circostanze come quelle di cui al procedimento principale, il fatto di fornire collegamenti cliccabili verso opere tutelate deve essere qualificato come “messa a disposizione” e, di conseguenza, come “atto di comunicazione” ai sensi della Dir. 2001/29.

 

Tuttavia, la stessa CGE ha escluso che possa trattarsi di comunicazione “al pubblico” ai sensi della citata direttiva poiché ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1, della stessa occorre che una comunicazione, come quella di cui trattasi nel procedimento principale in Svezia, riguardante le stesse opere della comunicazione iniziale ed effettuata in Internet come la comunicazione iniziale (ossia quella del Göteborgs-Posten), “sia rivolta ad un pubblico nuovo, cioè ad un pubblico che i titolari del diritto d’autore non abbiano considerato, al momento in cui abbiano autorizzato la comunicazione iniziale al pubblico”.

Così ragionando la CGE ha escluso quindi che la messa a disposizione di opere tramite link (del tipo esaminato nel processo svedese) possa integrare “comunicazione al pubblico” ai sensi della Dir. 2001/29 poiché “qualora il complesso degli utilizzatori di un altro sito, ai quali siano state comunicate le opere di cui trattasi tramite un collegamento cliccabile, potesse direttamente accedere a tali opere sul sito sul quale siano state inizialmente comunicate, senza intervento del gestore dell’altro sito, gli utilizzatori del sito gestito da quest’ultimo devono essere considerati come potenziali destinatari della comunicazione iniziale e, quindi, ricompresi nel pubblico previsto dai titolari del diritto d’autore al momento in cui hanno autorizzato la comunicazione iniziale.”

Non sussistendo quindi “comunicazione al pubblico” ai sensi della Dir. 2001/29, l’autorizzazione degli autori del Göteborgs-Posten alla pubblicazione di links ai loro articoli non doveva essere richiesta da Retriever Sverige.

“Pertanto, occorre rispondere alle prime tre questioni proposte che l’articolo 3, paragrafo 1, della direttiva 2001/29 deve essere interpretato nel senso che non costituisce un atto di comunicazione al pubblico, ai sensi di tale disposizione, la messa a disposizione su un sito Internet di collegamenti cliccabili verso opere liberamente disponibili su un altro sito Internet.”

Quanto al quarto quesito, la CGE ha chiarito che, poiché “l’obiettivo della direttiva 2001/29 risulterebbe inevitabilmente compromesso se la nozione di comunicazione al pubblico fosse intesa come comprendente più forme di messa di disposizione di quante stabilite all’articolo 3, paragrafo 1, di tale direttiva” gli Stati membri dovrebbero evitare di utilizzare la facoltà attribuitagli dall’articolo 20 della Convenzione di Berna di riconoscere ai titolari di diritti d’autore diritti più ampi di quelli stabiliti dalla Convenzione stessa.

La Corte ha pertanto così concluso:

“Di conseguenza, occorre rispondere alla quarta questione dichiarando che l’articolo 3, paragrafo 1, della direttiva 2001/29 deve essere interpretato nel senso che osta a che uno Stato membro possa stabilire una maggiore tutela dei titolari del diritto d’autore, includendo nella nozione di comunicazione al pubblico più forme di messa a disposizione di quelle disposte da tale articolo.”

Qui il link alla sentenza della CGE:

http://curia.europa.eu/juris/document/document_print.jsf?doclang=IT&text=&pageIndex=0&part=1&mode=DOC&docid=147847&occ=first&dir=&cid=15890

Luca Egitto

Esperto in proprietà intellettuale ed industriale, IT, privacy, diritto commerciale e societario in particolare nell’industria dell’intrattenimento, dello sport e del commercio elettronico.

Website: www.replegal.it/it/cerca-i-professionisti/150-luca-egitto.html

Turin
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milan
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Rome
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy