Call Us +39 011 55.84.111

Piergiorgio Bonacossa

Piergiorgio Bonacossa

Avvocato esperto in Diritto del Lavoro e Diritto Commerciale, tutela gli interessi dell’Impresa, sia Italiana che Transnazionale, con esperienza in ambito stragiudiziale e giudiziale.

Website URL: http://www.replegal.it/it/tutti-i-soci/368-piergiorgio-bonacossa.html

Cessione o trasferimenti d’azienda: possibile subentrare nei trattamenti di integrazione salariale

Con messaggio n. 1617 del 13.04.2016 , l’Inps ha fornito alcuni chiarimenti in ordine alla possibilità, nelle ipotesi di cessione o trasferimenti d’aziende o di rami di esse, di proseguire, senza soluzione di continuità, i trattamenti di integrazione salariali avviati dall’Azienda cedente, nonché le necessarie indicazioni circa i termini e le modalità da adottare al fine di consentire la prosecuzione del programma in discorso.

Trasferimento: il difficile equilibrio tra le ragioni organizzative ed i principi di correttezza e buona fede

Il controllo giurisdizionale delle comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive che legittimano il trasferimento del lavoratore, diretto ad accertare che vi sia corrispondenza tra il provvedimento adottato dal datore di lavoro e le finalità tipiche dell’impresa, non può essere limitato alla situazione esistente nella sede di provenienza, ma deve estendersi anche alla sede di destinazione del lavoratore, restando a carico del datore di lavoro l’onere di provare la sussistenza di dette ragioni. E’ quanto sostenuto nella Sentenza n. 1608/2016 dalla Corte di Cassazione, la quale, pur riconoscendo l’insindacabilità dell’opportunità del trasferimento, ha stabilito che il datore di lavoro, in applicazione dei principi generali di correttezza e buona fede, qualora possa far fronte alle predette ragioni avvalendosi di differenti soluzioni organizzative, per lui paritarie, è tenuto a preferire quella meno gravosa per il dipendente, soprattutto nel caso in cui questi deduca e dimostri la sussistenza di serie ragioni familiari ostative al trasferimento.

Abuso di diritto: giusta causa di licenziamento a parere della Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione, con Sentenza n. 1248 del 25 Gennaio 2016, ha ritenuto che concretizzi un ipotesi di abuso di diritto il comportamento del lavoratore che al fine di ottenere un vantaggio personale ponga in essere una serie reiterata di iniziative di varia natura, quali diffide, atti di messa in mora, richieste di spiegazioni, istanze di aspettativa, accuse di mobbing, di fatto inoltrate solo per creare disagio e costringere il datore di lavoro ad accogliere le proprie richieste, così violando ogni principio di correttezza e buona fede.

Gli Ermellini ribadiscono, nello specifico, come “l’abuso del diritto […] sia configurabile allorché il titolare di un diritto soggettivo, pur in assenza di divieti formali, lo eserciti con modalità non necessarie ed irrispettose del dovere di correttezza e buona fede, causando uno sproporzionato ed ingiustificato sacrificio della controparte contrattuale, ed al fine di conseguire risultati diversi ed ulteriori rispetto a quelli per i quali quei poteri o facoltà sono attribuiti”.

In quanto del tutto strumentali e superflue, le azioni in discorso integrano, dunque,  a parer della Corte, giusta causa di licenziamento del lavoratore.

Risarcimento danni per ferie non godute nell’anno di competenza

La Corte di Cassazione, con la recente Sentenza n. 1756/2016, è tornata a pronunciarsi sul tema “ferie”, sulla natura dell’indennità sostitutiva, sui termini di prescrizione della stessa. In particolare, il diritto del lavoratore al percepimento si prescrive nel termine ordinario di 10 anni, mentre il diritto del lavoratore ad ottenerne l’incidenza nel calcolo del T.F.R. si prescrive in 5 anni.

Nello specifico, gli Ermellini hanno ritenuto che le ferie annuali debbano essere godute entro l’anno di lavoro, e non successivamente, poiché finalizzate al necessario recupero delle energie fisiche e psichiche da parte del lavoratore. Una volta decorso l’anno di competenza, il datore di lavoro non può, dunque, imporre al lavoratore di godere effettivamente delle ferie né può stabilire il periodo nel quale egli debba goderle, ma è tenuto all’immediato pagamento dell’indennità sostitutiva.

Poiché, inoltre "l'indennità sostitutiva delle ferie non fruite” ha natura mista [avendo non solo carattere risarcitorio, in quanto volta a compensare il danno derivante dalla perdita di un bene determinato (il riposo, con recupero delle energie psicofisiche, la possibilità di meglio dedicarsi a relazioni familiari e sociali), ma anche retributivo, in quanto è connessa al sinallagma contrattuale e costituisce il corrispettivo dell'attività lavorativa resa in un periodo che, pur essendo di per sé retribuito avrebbe dovuto essere non lavorato, in quanto destinato al godimento delle ferie annuali] non può non evidenziarsi, sostiene la Corte, che ai fini della verifica della prescrizione non può che considerarsi prevalente la natura risarcitoria della stessa, per la quale è prevista la durata ordinaria decennale della prescrizione. Diversamente, si perverrebbe alla conclusione che la tutela del bene della vita alla quale l'indennità sostitutiva delle ferie è principalmente finalizzata, cioè quello del ristoro delle energie psico-fisiche, subirebbe in sede di esercizio dell'azione risarcitoria finalizzata al suo riequilibrio una inevitabile limitazione riconducibile all'applicazione della prescrizione quinquennale degli emolumenti di carattere retributivo.

Invece, quest'ultima funzione, anch'essa assolta dall'indennità in esame, assume importanza allorquando debba valutarsene l'incidenza sul trattamento di fine rapporto o su ogni altro aspetto di natura esclusivamente retributiva, come ad esempio il calcolo degli accessori di legge o sul trattamento contributivo.

Ritenute previdenziali: l’omissione contributiva sotto i 10.000 € annui non costituisce più ipotesi di reato.

Con il decreto legislativo n. 8/2016 il Governo ha previsto la trasformazione in illecito amministrativo del reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali per importi non superiori ai 10.0000 euro annui, con la possibilità per il datore di lavoro di non rispondere neanche amministrativamente in caso di versamento delle ritenute entro il termine di tre mesi dalla contestazione della violazione. I trasgressori saranno puniti con sanzioni comprese tra i 10.000 ed i 50.000 Euro e la norma, una volta in vigore, si applicherà retroattivamente. Nei procedimenti definiti con sentenza di condanna o decreto irrevocabili, il giudice dell’esecuzione dovrà revocare la sentenza o il decreto, dichiarando che il fatto non è previsto dalla legge come reato, ed adottare i provvedimenti conseguenti. Sul punto è intervenuto anche il Ministero del Lavoro con Circolare n. 6 del 5.2.2016.

Le linee guida del Ministero del Lavoro per gli organi ispettivi in materia di lavoro autonomo

Il Ministero del Lavoro, con circolare n. 3 dello scorso 1° febbraio, ha impartito istruzioni operative al personale ispettivo relativamente alle nuove collaborazioni coordinate e continuative disciplinate dal D.Lgs. n.81/15, artt.2 e 54, in vigore dal 1° gennaio 2016. Gli articoli in questione stabiliscono che, ogniqualvolta il collaboratore operi all'interno di un'organizzazione datoriale rispetto alla quale sia tenuto ad osservare determinati orari ed a prestare la propria attività presso luoghi di lavoro individuati dallo stesso committente, la prestazione debba considerarsi etero-organizzata, sempre che le attività risultino continuative ed esclusivamente personali. Ebbene il Ministero ha precisato che, ove risultino sussistenti i predetti requisiti di etero organizzazione, sarà direttamente applicabile la "disciplina del rapporto di lavoro subordinato", con conseguente facoltà, per il personale ispettivo, di procedere  all’irrogazione delle sanzioni previste in materia di collocamento. In merito alla procedura di stabilizzazione prevista dalla normativa citata, ed in virtù della quale se il rapporto di lavoro, che sia occasionale, a progetto o a Partita IVA, sia trasformato in rapporto di lavoro subordinato, si considerano estinti gli illeciti amministrativi, contributivi e fiscali connessi all'erronea qualificazione del rapporto di lavoro, la Circolare precisa che se la stabilizzazione dovesse avvenire a seguito dell’attività ispettiva non si potrà beneficiare dell'estinzione di tali illeciti, tuttavia non sarà preclusa la possibilità di avvalersi dell'esonero contributivo previsto dalla Legge di Stabilità 2016.

Legittimo il licenziamento per GMO per conseguire un maggior profitto per l’impresa

La Corte di Cassazione, nella recente sentenza n. 23620/2015, ha sostenuto la legittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo quando sia finalizzato non solo ad evitare perdite economiche, ma anche a conseguire un maggiore arricchimento per le imprese. Nella sentenza qui richiamata, gli Ermellini sostengono, infatti, che “ il contratto di lavoro possa essere sciolto a causa di un’onerosità non prevista, alla stregua delle conoscenze ed esperienze di settore, nel momento della sua conclusione e tale sopravvenienza ben può consistere in una valutazione dell’imprenditore che, in base all’andamento economico dell’impresa rilevato dopo la conclusione del contratto, ravvisi la possibilità di sostituire un personale meno qualificato con dipendenti maggiormente dotati di conoscenze e di esperienze e quindi di attitudini produttive”.

Turin
R&P Legal
Via Amedeo Avogadro, 26
10121, Torino - Italy
Milan
R&P Legal
Piazzale Luigi Cadorna, 4
20123, Milano - Italy
Rome
R&P Legal
Via Emilia, 86/90
00187, Roma - Italy
Busto Arsizio
R&P Legal
Via Goito, 14
21052, Busto Arsizio (VA) - Italy
Aosta
R&P Legal
Via Croce di Città, 44
11100, Aosta - Italy
Bergamo
R&P Legal
Viale Vittorio Emanuele II, 12
24121, Bergamo - Italy